Fatti

Bolsonaro gira in moto per il Brasile mentre la piazza chiede il suo impeachment

@neXt quotidiano|

bolsonaro brasile impeachment

Spavaldo a bordo di una moto di grossa cilindrata per le strade di Brasilia insieme ad alcuni ministri, il presidente del Brasile Jair Bolsonaro incontra i suoi sostenitori che – fingendosi sorpresi pur sapendo perfettamente di essere all’interno di uno spot governativo – scattano selfie sorridenti con lui.

Tutto questo mentre nel Paese continuano le proteste nei suoi confronti: per il quarto giorno di fila anche ieri decine di migliaia di brasiliani sono scesi in piazza per chiederne l’impeachment. A San Paolo, migliaia di persone si sono radunate nel centro città, sorreggendo cartelli con scritte come “destituzione ora” e “fuori Bolsonaro”. Disastrosa la sua gestione della pandemia, con un bilancio che supera il mezzo milione di morti (il secondo dato più alto al mondo dopo quello degli Stati Uniti) e gli insistenti inviti a riaprire le attività, oltre alle iniziali reticenze a imporre l’uso della mascherina. Dalla fine di maggio partiti di sinistra e sindacati sono apertamente contro il presidente, che è anche oggetto di un’indagine su possibili irregolarità nella negoziazione dei vaccini da parte del governo.

A Rio migliaia di persone vestite di rosso e con indosso mascherine hanno marciato gridando slogan come “Fuori il criminale corrotto”. La stampa brasiliana ha riportato manifestazioni in 20 dei 26 stati brasiliani. Né gli organizzatori né le autorità hanno diffuso stime sul numero complessivo dei manifestanti.

Bolsonaro ha visto diminuire drasticamente la sua popolarità a causa di una serie di scandali. Un recente sondaggio ha mostrato che la maggioranza dei brasiliani sarebbe favorevole alla sua messa in stato d’accusa. Inoltre, il presidente brasiliano dovrà affrontare le elezioni il prossimo anno, in un testa a testa che si prevede contro l’ex presidente di sinistra Luiz Inácio Lula da Silva. Anche in questo caso i sondaggi non sorridono a Bolsonaro, che lo vedono indietro rispetto al suo sfidante.