Attualità

Bollettino Coronavirus Italia: i dati della Protezione Civile per oggi 13 novembre

Dopo i 37.978 nuovi casi e i 636 decessi di ieri  l’andamento della pandemia di Coronavirus in Italia oggi con il bollettino di oggi del Ministero della Salute e i dati della Protezione Civile: 40.902 contagiati e 550 morti

bollettino protezione civile coronavirus italia oggi 13 novembre dati

Dopo i 37.978 nuovi casi e i 636 decessi di ieri  l’andamento della pandemia di Coronavirus in Italia oggi con il bollettino di oggi del Ministero della Salute e i dati della Protezione Civile: 40.902 contagiati e 550 morti. Sono stati effettuati 254.908 tamponi.  Aumentano di 60 unità i pazienti in terapia intensiva per il Covid nelle ultime 24 ore in Italia. Il totale è ora di 3.230.

Bollettino Coronavirus Italia: i dati della Protezione Civile per oggi 13 novembre

I contagi suddivisi nelle regioni: sono complessivamente 17774 i casi positivi al Covid 19 registrati in Abruzzo dall’inizio dell’emergenza. Rispetto a ieri si registrano 683 nuovi casi (di eta’ compresa tra 1 mese e 98 anni). Dei nuovi casi, 486 sono riferiti a tracciamenti di focolai gia’ noti. I positivi con eta’ inferiore ai 19 anni sono 99, di cui 29 in provincia dell’Aquila, 13 in provincia di Pescara, 21 in provincia di Chieti, 36 in provincia di Teramo. Il bilancio dei pazienti deceduti registra 15 nuovi casi e sale a 661 (di eta’ compresa tra 56 e 99 anni, 13 in provincia dell’Aquila, 1 in provincia di Teramo e 1 in provincia di Pescara). Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 5205 dimessi/guariti (+176 rispetto a ieri).  Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 11908 (+492 rispetto a ieri). Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 335473 test (+4769 rispetto a ieri). 567 pazienti (+20 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva; 57 (+5 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 11284 (+467 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. Del totale dei casi positivi, 5432 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+195 rispetto a ieri), 3454 in provincia di Chieti (+170), 3822 in provincia di Pescara (+78), 4708 in provincia di Teramo (+222), 184 fuori regione (+13) e 174 (+5) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. Sono 3.605 i positivi da Covid registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, per un totale di 94.506 positivi dall’inizio dell’epidemia il 21 febbraio. I pazienti nei reparti non critici sono 1947 (+71) e 227 nelle terapie intensive (+6) per un totale di 2.174 posti occupati negli ospedali. Sono poi 2.764 i decessi dall’inizio dell’epidemia , 37 nelle ultime 24 ore. E’ ancora record assoluto di positivi in un giorno nelle Marche: nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 740 dopo i 733 del giorno precedente. In aumento anche la percentuale tra contagi e numero dei tamponi: circa il 35,7% dei test nel percorso nuove diagnosi che sono stati 2.073 contro il 28,7% del giorno precedente (su 2.457 test); il 20,6% del totale dei test eseguiti, cioè 3.588 che comprendono 1.515 tamponi del percorso guariti, a fronte del 17,5% del giorno prima (4.186 tamponi). E’ Macerata la provincia con il numero più alto di contagi (247); seguono Ancona (193), Fermo (127), Pesaro Urbino (94), Ascoli Piceno (76) mentre tre contagiati provengono da fuori regione. L’Alto Adige registra un nuovo record di tamponi positivi dall’inizio della pandemia. Sono infatti 820 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore su 3183 tamponi analizzati. Finora il valore più alto mai registrato fu quello dell’8 novembre con 781. Si registrano anche 9 decessi, portando il numero complessivo a 374. Nei normali reparti ospedalieri sono ricoverati 343 pazienti covid (+5), mentre nelle strutture private il numero resta invariato a 110. I ricoveri in terapia intensiva, anche alla luce dei decessi, scende da 42 a 41. Si avvicina a quota 9000 (8782) il numero di persone in isolamento domiciliare