Trend

Berrettini campione vero agli Us Open, dopo il successo il gesto per l’avversario infortunato | VIDEO

Il tennista romano si conferma campione, batte il suo avversario e mette in campo tutta la sportività che serve nelle grandi competizioni

berrettini otte video applauso

Lo sport italiano ha vissuto una stagione di successi eccezionali, uno dei più gradi traguardi dell’estate è stata la finale di Matteo Berrettini a Wimbledon. Primo azzurro nella storia a conquistare il green d’oltre manica, in attesa del prossimo anno in cui vorremmo celebrare il primo azzurro a vincere in quel campo. E’ diventato in questi mesi il simbolo del nostro sport. Attitude da bravo ragazzo, sportivo vero, non una voce fuori dal campo e corretto in campo. Ultimo successo in ordine di tempo è quello sul tedesco Otte, battuto negli States con il risultato di 6-4 3-6 6-3 6-2 e ora ai quarti sfiderà Djokovic che ha superato Brooksby 1-6 6-3 6-2 6-2. Della vittoria di ieri rimane però soprattutto il suo gesto finale, bellissimo per tutto il mondo dello sport.

Dopo aver segnato il punto decisivo, il tennista azzurro invita tutto il pubblico ad applaudire il suo avversario costretto a giocare parte del match infortunato.

Berrettini campione vero agli Us Open, dopo il successo il gesto per l’avversario infortunato. Il match

Matteo Berrettini si qualifica per i quarti di finale degli Us Open, sul cemento di Flushing Meadows il tennista romano, testa di serie numero 6 del tabellone, supera in 4 set il tedesco Oscar Otte, n.144 del ranking, promosso dalle qualificazioni e per la prima volta nel main draw degli Us Open.

L’azzurro si impone 6-4, 3-6, 6-3, 62, dopo due ore e 24 minuti di gioco. Sfortunato il tedesco che ha dovuto fare i conti con un infortunio all’inizio del quarto parziale. Berrettini, n.8 del ranking, mercoledì nei quarti affronterà ora il n.1 del mondo, il serbo Novak Djokovic, già vincitore tre volte di questo torneo nel 2011, 2015 e 2018, che quest’anno lo ha stoppato nei quarti al Roland Garros e in finale a Wimbledon.