Opinioni

«Beppe Grillo vuole una banca»: l'incontro tra Davide Casaleggio e Widiba

Il Giornale apre oggi con un articolo di Giampiero Timossi che racconta di un incontro tra Davide Casaleggio e Andrea Cardamone, amministratore delegato di Widiba, banca online del Monte dei Paschi di Siena. Il titolo, forzato, del quotidiano, è «Grillo vuole una banca», che ricorda la frase di Piero Fassino «Allora abbiamo una banca?» rivolta a Giovanni Consorte nel 2005 nell’intercettazione pubblicata illegalmente dal quotidiano all’epoca diretto da Vittorio Feltri.

Dal flashmob al rendez-vous, l’incontro tra Casaleggio e Cardamone, amministratore delegato della banca che ha ancora il Monte quale socio unico. Si sono dati appuntamento a Milano, a pochi passi da parco Sempione, due giorni prima di capodanno. Neppure due settimane dopol’ultima iniziativa perchiedere «chiarezza e giustizia» sul futuro del più antico istituto di credito italiano. Di cosa si è parlato? Dagli ambienti bancari nulla trapela sull’argomento della chiacchierata, c’è chi parla di un «incontro cordiale, molto cordiale, durante il quale Cardamone ha spiegato a Casaleggio i prossimi obiettivi della banca e quali nuove iniziative si potranno mettere in campo per venire sempre più incontro alle esigenze dei giovani che vogliono affidarsi a Widiba per acquistare casa o per avviare una nuova start-up».

 

L'apertura del Giornale su Grillo, Casaleggio e Widiba
L’apertura del Giornale su Grillo, Casaleggio e Widiba

L’articolo si conclude con un aneddoto che riguarda proprio Davide Casaleggio:

Ora c’è chi ricorda un’altra vicenda, quella raccontata dal Giornale il 31 dicembre 2005. La trascrizione di una telefonata tra Piero Fassino e Giovanni Consorte, durante la quale l’allora segretario dei Ds chiede all’allora amministratore delegato di Unipol: «Ma abbiamo una banca?». Quella domanda fa riferimento ai tentativi di acquisizione da parte di Unipol della Banca Nazionale del Lavoro. «Questa è tutta un’altra storia, un incontro e una pubblicità alla luce del sole», già fanno sapere i fedelissimi di Grillo e Davide Casaleggio. Ma tra i fuoriusciti dal Movimento c’è subito chi ricorda, con astio e una certa sete di vendetta, una frase ricorrente di Davide. Usata spesso per declinare inviti a colazione, pranzo e cena. La frase: «Che interesse ho io a pranzare con te?».Con Andrea Cardamone qualche interesse c’è.

Leggi sull’argomento: Il nuovo regolamento M5S e il ruolo di Davide Casaleggio nelle espulsioni

Alessandro D'Amato

Il direttore di neXt Quotidiano