Rassegna Stampa

L’incredibile idea di Barbero sulle differenze strutturali tra uomini e donne

L’intervista dello storico al quotidiano la Stampa sta provocando moltissime reazioni sui social

Barbero green pass fissazione

Nelle ultime settimane le esternazioni di Alessandro Barbero hanno provocato diverse critiche e discussioni. È accaduto quando si è detto contrario al Green Pass (ma favorevole all’obbligo vaccinale) e il canovaccio si ripeto oggi, in occasione della pubblicazione della sua intervista al quotidiano La Stampa. Non si parlava di pandemia, né di rimedi politici per contenerla. Si parlava di donne. E le sue parole – poste a mo’ di domanda – hanno provocato un subbuglio di proteste sui social.

Barbero e la domanda sulle “differenze strutturali” tra uomo e donna

Tutto parte dalla richiesta di un’analisi sulla “fatica” che fanno le donne per arrivare a ricoprire posti di potere (ma anche a ottenere una corretta retribuzione e a fare carriera. E qui Barbero inizia fornendo una risposta “da storico” che mostra alcunu cambiamenti (seppur lenti e ancora impari) avvenuti nel corso dell’ultimo mezzo Secolo:

“Di fronte all’enorme cambiamento di costume degli ultimi cinquant’anni, viene da chiedersi come mai non si sia più avanti in questa direzione. Ci sono donne chirurgo, altre ingegnere e via citando, ma a livello generale, siamo lontani da un’effettiva parità in campo professionale”.

Poi, però, arriva il passaggio che sta provocando moltissime polemiche:

“Rischio di dire una cosa impopolare, lo so, ma vale la pensa di chiedersi se non ci siano differenze strutturali fra uomo e donna che rendono a quest’ultima più difficile avere successo in certi campi. È possibile che in media, le donne manchino di quella aggressività, spavalderia e sicurezza di sé che aiutano ad affermarsi? Credo sia interessante rispondere a questa domanda. Non ci si deve scandalizzare per questa ipotesi, nella vita quotidiana si rimarcano spesso differenze fra i sessi”.

In particolare, aver parlato di “differenze strutturali” tra uomo e donna – anche se posto sotto forma di domanda – non poteva che portare a polemiche.

 

 

(Foto IPP/Marco Destefanis/Pacific Press via ZUMA Wire)