Attualità

Asso 28: la nave italiana che riporta i naufraghi in Libia

asso 28 2

La nave Asso 28, imbarcazione che batte bandiera italiana di supporto a una piattaforma petrolifera, ha salvato un gommone con 108 persone a bordo ieri notte e poi le ha sbarcate nel porto di Tripoli. L’operazione appare in violazione delle leggi internazionali che garantiscono il diritto d’asilo e non riconoscono la Libia come un porto sicuro. Nessuno dei migranti riportati a Tripoli, infatti, ha avuto la possibilità di chiedere asilo come garantito dalla legge.

Asso 28: la nave italiana che riporta i naufraghi in Libia

Un episodio su cui chiede spiegazioni il deputato di Liberi e Uguali Nicola Fratoianni, in questi giorni a bordo della nave della Ong spagnola Open Arms tornata in zona Sar. “Non sappiamo ancora se questa operazione avviene su indicazione della Guardia Costiera Italiana, ma se così fosse si tratterebbe di un precedente gravissimo, un vero e proprio respingimento collettivo di cui l’Italia e il comandante della nave risponderanno davanti a un tribunale. Il diritto internazionale prevede che le persone salvate in mare debbano essere portate in un porto sicuro e quelli libici, nonostante la mistificazione della realtà da parte del governo italiano, non possono essere considerati tali”, afferma Fratoianni.

asso 28 1

Intanto il capitano della Sarost 5, Ali Ajji, la nave con 40 migranti bloccata in mare da più di due settimane al largo delle coste tunisine, fa sapere che si trova ancora senza sbarco assegnato: “Siamo in contatto con le autorità portuali di Zarzis, ma al momento non abbiamo ricevuto nessuna comunicazione per iscritto con il permesso di poter sbarcare”. “Da terra ci dicono di attendere le istruzioni per lo sbarco ed è quello che stiamo facendo. Ma non sappiano quando o se potremo approdare”, ha aggiunto. Intanto, la nave dell’ong spagnola Proactiva Open Arms, tornata a poche miglia dalla Sarost 5 per offrirle supporto, si è allontanata dalle acque tunisine, riferisce ancora il capitano della nave.

La Sarost 5 ancora in mare

Poco dopo aver ottenuto l’autorizzazione a entrare nelle acque tunisine per offrire il suo appoggio alla nave Sarost 5, che ha a bordo 40 migranti, l’imbarcazione dell’Ong spagnola Open Arms ha ricevuto l’ordine di abbandonare le 12 miglia, vale a dire la delimitazione delle acque territoriali.”La nostra presenza li intimidisce”, ha detto il presidente della Ong, Oscar Camps, spiegando di voler evitare un confronto con le autorita’ tunisine che potrebbero bloccare la nave. “Se il governo tunisino, in queste due settimane, ha abbandonato il suo capitano, il suo concittadino, il cui unico errore è rispettare il diritto marittimo internazionale, cosa farà con le altre persone?”, si è chiesto Camps, riferendosi al capitano della Sarost, il tunisino Ali Hajji.

asso 28

Secondo una fonte locale, la decisione di allontanare Open Arms significherebbe che è ormai “imminente” l’approdo della Sarost 5 a Zarzis, perché “dopo l’annuncio ufficiale del primo ministro, sabato scorso, ora non possono tirarsi indietro”. Sabato, il premier tunisino Youssef Chaled aveva dato alla Sarost 5 il via libero all’ingresso in porto a Zarzis, dopo che Italia, Francia e Malta si erano rifiutate di accogliere le persone a bordo; la nave, però, finora non ha ricevuto istruzioni da parte delle autorità ed è ancora in attesa di attraccare. La Open Arms voleva offrire assistenza medica soprattutto alle due donne incinte, presenti sulla Sarost, avendo a bordo attrezzatura per le ecografie.

matteo salvini

In mattinata Salvini cerca di smentire quello che nessuno aveva affermato con certezza, dicendo che la guardia costiera italiana non ha coordinato e non ha partecipato a nessuna di queste operazioni. In realtà Fratoianni aveva detto che bisognava verificare l’eventuale coinvolgimento della Guardia Costiera Italiana nella vicenda, che è stata fin da subito gestita dai libici.

Leggi sull’argomento: Il silenzio dell’Europa sui naufraghi a bordo della Sarost5