Fatti

Arrestato l’autista del tir che ha investito e ucciso il sindacalista Adil Belakhdim

Lo fanno sapere Polizia e Carabinieri in una nota congiunta

Adil Belakhdim

È stato arrestato – e trattenuto all’interno degli uffici del Comando Provinciale Carabinieri di Novara – l’autista che questa mattina, con il proprio Tir, ha investito e ucciso il sindacalista Adil Belakhdim davanti ai cancelli dello stabilimento Lidl di Biandrate, nel Novarese. A comunicarlo sono stati gli uomini della Polizia e dell’Arma in una nota condivisa. Adesso, in attesa delle decisione della autorità giudiziarie, l’uomo dovrà rispondere alle domande degli inquirenti. Dalle sue risposte e dalla ricostruzione – che avverrà anche ascoltando il racconto dei testimoni della tragedia – che verrà fornita, saranno decisi i campi di imputazione nei suoi confronti.

Adil Belakhdim, arrestato l’autista del tir che ha investito il sindacalista do Biandrate

Il sindacalista della provincia di Novara, secondo i primi dettagli emersi pochi minuti dopo la tragedia davanti allo stabilimento Lidl di Biandrate, sarebbe stato investito dal tir guidato dall’uomo – ora in stato di fermo – che avrebbe forzato un blocco durante una manifestazione sindacale. Sempre secondo i racconti dei testimoni, l’autista dell’autoarticolato sarebbe fuggito dopo accaduto. Le forze dell’ordine, subito dopo la segnalazione di quanto accaduto, si sarebbero messi sulle sue tracce raggiungendolo in autostrada, dove è stato arrestato. Gli investigatori fanno sapere che, secondo la loro ricostruzione, l’uomo alla guida si è trovato bloccato dalla manifestazione e

“spazientito dall’attesa, ha improvvisamente impegnato contromano la corsia di entrata, muovendo il mezzo con ripetute accelerazioni, nonostante i manifestanti fossero davanti al veicolo, e pertanto chiaramente visibili dall’abitacolo”.

In attesa di conoscere l’eventuale provvedimento giudiziario nei confronti dell’autista del tir, il mondo della politica si è stretto nel dolore abbracciando, ideologicamente, i familiari di Adil Belakhdim. “Sono molto addolorato per la morte di Adil Belakhdim. È necessario che si faccia subito luce sull’accaduto”, ha dichiarato il Presidente Mario Draghi poco dopo aver ricevuto la notizia di questa tragedia. Parole simili a quelle pronunciate da molti altri esponenti del governo e della maggioranza. E anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, ha voluto esprimere la sua vicinanza:

Cordoglio e vicinanza di Fratelli d’Italia alla famiglia e ai colleghi di Adil Belakhdim, il sindacalista investito stamane da un camion e rimasto ucciso durante una manifestazione di lavoratori della logistica davanti ai cancelli della Lidl di Biandrate, nel Novarese. È inaccettabile che nel 2021 si possa ancora perdere la vita sul posto di lavoro o mentre ci si batte per difendere i propri diritti. È una tragedia che ci lascia senza parole e sulla quale ci auguriamo sia fatta chiarezza il prima possibile.

(Foto copertina da Maurizio Acerbo su Facebook)