Fact checking

Andrea Mazzillo è il nuovo assessore al bilancio della Giunta Raggi

andrea mazzillo assessore bilancio

Andrea Mazzillo è il nuovo assessore al bilancio della Giunta Raggi. La giunta ha quindi scelto un componente dello staff, già mandatario della sua campagna elettorale, per ricoprire il delicatissimo ruolo che ha già visto le dimissioni di Marcello Minenna, Raffaele De Dominicis e Salvatore Tutino. Come da pronostici, sarà invece Massimo Colomban l’assessore alle Partecipate. Mazzillo faceva parte dello staff di Virginia Raggi e c’erano state già polemiche sui costi degli stipendi: guardagnava 88mila euro. Ora avrà due deleghe (Bilancio e Partecipate). La Raggi conferma poco dopo: «Mazzillo è alla guida di una squadra di tecnici e professionisti che abbiamo costruito nel corso di queste settimane. Ho chiesto a Mazzillo di ricoprire l’incarico in giunta non solo per le sue competenze ed esperienze tecniche ma anche per affermare che il Movimento mette in campo i suoi più qualificanti militanti». Il nuovo assessore fa sapere che è già al lavoro per l’assestamento di bilancio.

staff raggi
Gli stipendi dello staff della Giunta Raggi (Il Messaggero, 17 agosto 2016)

Andrea Mazzillo è il nuovo assessore al bilancio della Giunta Raggi

Andrea Mazzillo, professore a Tor Vergata (è Dottore di Ricerca in Economia e Gestione delle Aziende e delle Amministrazioni Pubbliche), ha lavorato anche in Equitalia. era stato mandatario della campagna elettorale della Raggi, ovvero aveva la responsabilità della raccolta fondi. Mazzillo, prima di abbracciare i Cinque Stelle, era inserito nel centrosinistra di Ostia, e fino al 2007 circa è stato legatissimo ad Alessandro Onorato, all’epoca nel nascente Pd e oggi coordinatore del movimento di Alfio Marchini oltre che consigliere d’opposizione in Campidoglio. Mazzillo ed Onorato erano quasi inseparabili: si candidarono insieme nella «Lista civica per Veltroni» nell’allora XIII Municipio (oggi diventato il X), quando uno (Onorato) venne eletto e l’altro (Mazzillo) non ce la fece per un soffio (primo dei non eletti). Risultato, comunque, più che dignitoso che gli valse la nomina a coordinatore municipale della lista. Mazzillo, insieme ad Onorato e nell’ambito del centrosinistra, ha condotto una serie di battaglie, come la campagna «Pino ti amo», ideata per sensibilizzare gli abitanti ostiensi sulla tutela e salvaguardia della pineta di Castel Fusano. Mazzillo si candidò anche alle primarie per la segreteria regionale del Pd, a sostegno di Nicola Zingaretti (lo sfidante era Amedeo Piva): collegio 16, lista «Con Veltroni, ambiente, innovazione, lavoro per Zingaretti», sempre con Onorato come capolista. E poi? Per un po’ di tempo, quando il suo «mentore» più tardi passò all’Udc, Mazzillo, professore a Tor Vergata, esperto in «Finanza innovativa degli enti locali», è sparito dalla politica. Salvo rispuntare a fianco di Virginia Raggi come «mandatario» della campagna.

andrea mazzillo assessore bilancio
Una foto di Andrea Mazzillo dal suo profilo Facebook

Mazzillo era stato indicato come “sponsor” di Raffaele De Dominicis prima dell’intervista dell’avvocato Sammarco. Poi, secondo quanto raccontato dal Messaggero, era stato protagonista della gaffe dell’assenza della sindaca all’incontro con monsignor Galatino e con l’Azione Cattolica, quando, secondo gli spifferi del Campidoglio, lo staff della sindaca ha detto al cerimoniale del Comune che Raggi deve andare «quando c’è un pari grado», cioè nel caso del Vaticano «il Papa». Secondo la tesi, senza Santo Padre la sindaca può delegare un assessore, «pari grado» di un cardinale o di un vescovo.  Ancora: Mazzillo, che è figlio di un ex presidente di sezione della Corte dei Conti, avrebbe aiutato la Raggi nel casting degli assessori dopo l’addio di Minenna. Mazzillo ha lavorato nello staff dei grillini in Campidoglio già dal 2014; il 3 febbraio 2014 era intervenuto a Piazzapulita.

Quando Andrea Mazzillo parlava come attivista a… di next-quotidiano

Massimo Colomban è l’assessore alle partecipate

Come previsto, invece, Massimo Colomban sarà il nuovo assessore capitolino alle Partecipate. Colomban è invece un industriale che lavora nel settore dei metalli. Ha fondato l’azienda Permasteelisa, una società italiana di costruzioni quotata alla borsa di Milano partendo da una piccola azienda chiamata Isa (Industria Serramenti in Alluminio). Imprenditore veneto vicino a Gianroberto Casaleggio e a capo della Confapri. In questo video Colomban parlava a Coffee Break di Confapri:

Trevigiano, fondatore di Permasteelisa, colosso mondiale delle architetture monumentali, Colomban è anche finanziatore di startup e leader di Confapri (industriali vicino a Grillo), vicino a Gianroberto Casaleggio che portò a Treviso. Colomban “promosse” anche Matteo Renzi all’epoca dell’approdo di quest’ultimo a Palazzo Chigi. I giornali locali di recente raccontavano come fosse impegnato nell’assistenza per il passaggio di proprietà della sua ex azienda Permasteelisa.

massimo colomban
Massimo Colomban, assessore alle Partecipate della Giunta Raggi

Colomban ha fondato nel 1973, a 23 anni, il gruppo Permasteelisa, partendo da sei persone e portandolo a divenire, in meno di 20 anni, il primo gruppo al mondo negli involucri delle architetture monumentali. Nel 2002 il gruppo aveva un fatturato annuo di 1 miliardo di euro, 5.000 dipendenti, 40 società in 25 stati di 4 continenti e “mai un licenziamento o un giorno di sciopero”. Dopo averlo quotato sia a Singapore che a Milano, Colomban ha lasciato il timone del gruppo a 83 manager ai quali ha donato in stock option e azioni il 40% della holding. “Ritornato in Italia con i propri capitali prodotti al 98% all’estero come imprenditore emigrante – si legge sul sito Confapri – Colomban acquista e restaura CastelBrando. Sviluppa una serie di iniziative immobiliari di pregio e sostiene i giovani imprenditori nella creazione di start up. Oggi è azionista e nel consiglio di amministrazione di diverse società innovative italiane”. Colomban è inoltre console onorario in Veneto dell’Australia; è nel comitato mondiale dell’Usaf in Scott-IL, è stato comandante onorario di Aviano Usaf, nel board della Harvard University e docente al Politecnico Leonardo in Milano, oltre tenere lezioni al Mit, ad Harvard e in molte altre università italiane e internazionali. All’epoca, a chi gli chiedeva della sua vicinanza contemporanea a Renzi e a Grillo, rispondeva: «Mi hanno associato a chiunque. In realtà ho cercato di dialogare con tutti solo per cercare di riaffermare il ruolo sociale dell’impresa. Quando io iniziai era tutto diverso: le tasse erano più basse, c’era un clima generale a favore. Ora l’imprenditore è ritenuto una sorta di speculatore, che non lavora per gli altri e che si intasca solo i guadagni. Invece chi fa impresa lavora 12, 15 ore al giorno, ed arricchisce i collaboratori ed il territorio. Così è stato anche per me, ho fatto più di 8 mila ore di volo. E non mi è mai pesato: per essere imprenditori ci vuole il fuoco dentro e un imprenditore non getta mai la spugna». Ora dovrà vedersela con AMA, ATAC e con le partecipate romane al collasso. In bocca al lupo.

Leggi sull’argomento: Quanti pezzi mancano alla Giunta Raggi?