Attualità

Andi Nganso, il medico aggredito a Lignano Sabbiadoro, ha ottenuto la cittadinanza italiana

neXt quotidiano|

Andi Nganso

Era stato vittima di una delle più becere violenze dialettiche dettate dal razzismo: insulti per via del colore della sua pelle da parte di un paziente che ha rifiutato di essere curato da lui in Pronto Soccorso. Ora, dopo 16 lunghissimi anni di attesa (fatta di studi e lavoro), il dottore Andi Florin Nganso Fenjiep è finalmente diventato cittadino italiano. La sua storia è salita all’attenzione dei media dopo aver denunciato quanto subìto nella giornata del 17 agosto scorso. Ora, però, il giuramento sulla Costituzione è un piccolo grande passo per lui. Per mettersi alle spalle quell’episodio deprecabile intriso di razzismo.

Andi Nganso, il medico aggredito a Lignano Sabbiadoro, diventa cittadino italiano

E la sua soddisfazione, condita di ringraziamenti, è racchiusa in un lungo post Facebook in cui racconta questo suo rapporto con l’Italia.

“Sono nato una seconda volta a Varese, la mia Città, dove ho percepito per la prima volta che da adulto stavo mettendo in pratica i principi di civiltà, solidarietà e famiglia insegnatimi dai miei genitori […] Sono nato una seconda volta nelle aule della facoltà di medicina all’università dell’Insubria dove ho costruito buona parte dei rapporti di amicizia e di affetto grazie ai quali sono maturato come uomo e professionista.
Sono stati anni di costruzione e di rafforzamento di un identità complessa, mista, elaborata ed orgogliosa. Sono stati anni di lotta, accettazione e di acquisizione di consapevolezza. L’Italia è il nido dal quale ho deciso di permettere alla mia energia di fiorire sul mondo. Sono felice di poterlo fare con maggior serenità da oggi […].
Ho giurato sulla Costituzione italiana che il mio impegno per la giustizia sociale non finirà. L’istituto per la Cittadinanza rimane in Italia e in Occidente uno strumento di esclusione che racconta e rafforza le disparità tra i popoli. Dedico questa giornata al milione di Italian* senza cittadinanza”.

Quell’episodio di razzismo di cui è stato vittima lo scorso agosto all’interno delle stanze del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Lignano Sabbiadoro (in provincia di Udine) rimarrà comunque indelebile nella sua mente. Ma oggi, il dottore Andi Nganso è finalmente cittadino italiano. Dopo 16 lunghi anni di attesa.