Attualità

Alexander Korshunov e il razzo italiano precipitato 

alexander korshunov

Insieme ad Alexander Korshunov è finito sotto indagine nell’ambito dell’inchiesta per spionaggio anche ex dipendente dell’Avio Aero (gruppo General Electrics) finito sotto indagine, Maurizio Paolo Bianchi. E, racconta oggi Il Mattino,  il caso potrebbe essere messo in relazione con il lancio di un vettore spaziale fallito, razzo prodotto in Italia dall’Avio (gruppo Leonardo) di Colleferro (Roma). Fonti qualificate dei servizi segreti italiani spiegano che l’Avio potrebbe essere stata vittima di un sabotaggio.

Alexander Korshunov e il razzo italiano precipitato 

L’arresto di Aleksandr Korshunov potrebbe meglio chiarire quanto accaduto appena due mesi fa a quasi 8mila chilometri di distanza dall’Italia. I precedenti quattordici lanci si sono svolti con una precisione consolidata: i satelliti sono stati sempre depositati in orbita senza errori. Quella notte invece qualcosa va storto, in maniera inspiegabile. Dopo l’accensione del secondo stadio — chiamato in codice Zefiro 23 — il vettore perde velocità e devia dalla traiettoria stabilita, fino a precipitare nell’Oceano.

vega 15 razzo italiano
Vega 15: il razzo italiano (La Repubblica, 25 agosto 2019)

Secondo le cronache dell’epoca nel mirino non c’era il razzo italiano, ma il carico che stava trasportando: Falcon Eye, il primo satellite spia degli Emirati Arabi. Un apparato potentissimo, venduto dalla Francia per una cifra superiore a mezzo miliardo di euro, che avrebbe permesso ai generali emiratini di individuare qualsiasi oggetto con altissima precisione: i suoi visori ottici possono fotografare un’area di venti chilometri con una definizione di settanta centimetri. Insomma, uno strumento strategico per le crescenti ambizioni militari degli Emirati, che gli permetterebbe di condurre ricognizioni senza limiti e senza confini. Spiega il Mattino:

Cosa è successo in quei fatali attimi del fallimento della missione resta ancora da chiarire del tutto. I sospetti italiani dello scorso luglio sono ora alimentati dall’arresto di Napoli. Da quando quel lancio è fallito l’Avio, le quotazioni in borsa sono crollata del 15 per cento. Avio ha rapporti molto intensi con General Electric a cui ha ceduto Avio Aereo per 3,3 miliardi di euro, la società che, secondo l’Fbi, al centro degli interessi del manager russo.

Dietro questi movimenti russi si sospetta possano esserci altri tecnici infedeli, magari foraggiati economicamente dai russi, che hanno causato il fallimento della missione Vega. Quell’anomalia – si ritiene a Roma – potrebbe non essere un semplice guasto tecnico,ma un deliberato sabotaggio determinato per causare un danno fortissimo alla reputazione di uno dei più prestigiosi colossi economici italiani.

L’opposizione di Korshunov all’estradizione

Intanto Korshunov due giorni fa è comparso dinanzi al giudice napoletano Mario Gaudio, limitandosi a declinare le proprie generalità: «Mi chiamo Alexander Korshunov, ho 57 anni, sono stato tratto in arresto il 30 agosto a Capodichino, dove sono sbarcato per motivi di turismo». Korshunov è indagato per cospirazione per il furto di segreti commerciali ad una società americana nel settore dell’aviazione.

proteste pensioni fornero russia putin - 2

Le accuse contro i due sono stati formalizzate il 21 agosto scorso. Nei documenti allegati alla denuncia si afferma che Korshunov è un dipendente di una società di stato russa e che in precedenza era un funzionario statale che ha prestato servizio anche al ministero degli Esteri. Quanto a Bianchi, è l’ex direttore della controllata italiana di GE Aviation, leader nella produzione di motori aeronautici, con quartier generale nel distretto meridionale dell’Ohio: mentre lavorava per questa azienda, Bianchi era responsabile del business in Cina, Russia e Asia. Dopo aver lasciato la società, è andato a lavorare per Aernova a Forlì.

Korshunov avrebbe pagato i dipendenti ed ex di Avio Aero, nel corso degli incontri da lui organizzati nel giugno del 2013 al Paris Air Show a Le-Bourget, in Francia, e poi nel 2014 a Milano, per discutere le relazioni tecniche. Scenari tutti da mettere a fuoco, mentre nei prossimi giorni un magistrato della Procura generale di Napoli (uffici guidato dal pg Luigi Riello), lette le carte made in Usa, si appresterà a vibrare la propria requisitoria. Intanto, al lavoro le diplomazie dei paesi interessati.

Leggi anche: Alexander Korshunov: la presunta spia di Putin arrestata a Pomigliano su richiesta dell’FBI