Opinioni

Alessandro Stabellini: il consigliere M5S accusato di farsi mandare le richieste di manutenzione degli alloggi ERP

Qualche giorno fa l’Unione Inquilini di Roma ha segnalato un presunto abuso da parte di un consigliere M5S del VI Municipio, Alessandro Stabellini. Secondo il racconto del sindacato il modulo per la richiesta di interventi ordinari per gli alloggi ERP veniva inviato dagli uffici proprio a Stabellini. “Ci domandiamo perché un ufficio istituzionale-amministrativo debba svolgere il ruolo di comitato elettorale del Consigliere appartenente al M5S Alessandro Stabellini. Ma soprattutto, perché nessun Dirigente è intervenuto per impedire questo abuso?”, scriveva l’Unione Inquilini qualche giorno fa.

Oggi il segretario romano Guido Lanciano e Fabrizio Ragucci dell’Unione Inquilini sono stati ascoltati in Commissione Trasparenza, presieduta da Marco Palumbo (PD) sull’argomento. Ma il presidente del VI Municipio Romanella e lo stesso Stabellini non si sono presentati all’audizione, nemmeno per difendersi. Il prestampato con tanto di doppio indirizzo è stato rinvenuto presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico. Nonostante l’unico rappresentante del Municipio presentatosi oggi in Commissione, il responsabile dell’Urp, abbia dichiarato che il modulo in questione non è quello ufficiale del Municipio e che in Municipio nessuno sapeva di questa doppia destinazione dei moduli, una relazione dettagliata è stata richiesta al presidente e al direttore del Municipio. Le consigliere comunali Eleonora Guadagno e Carola Campi (M5S) hanno invece constatato l’abuso e hanno preso le distanze dal consigliere, che invece nella pagina del M5S VI Municipio fino a qualche giorno fa andava raccontando “gli oltre 350 gli interventi di manutenzione effettuati dal Municipio VI. Tutti interventi diventati improcrastinabili causa totale mancanza di manutenzioni effettuate dalle Amministrazioni precedenti, comportanti però un aggravio sulle già esigue risorse economiche municipali”.

Leggi sull’argomento: Luisella Costamagna e la bufala della cassiera vessata da Renzi e dal Jobs Act