Opinioni

Alessandro Di Battista sbaglia piazza e si prende i fischi del Popolo di Pappalardo

La rivoluzione del Movimento Liberazione Italia e del Generale Pappalardo è arrivata nel pomeriggio davanti a Montecitorio. L’obiettivo è chiaro: cacciare i parlamentari abusivi. Per il Popolo Sovrano del MLI tutti i parlamentari sono abusivi e tutti devono essere mandati a casa. Anche quelli del MoVimento 5 Stelle che su Facebook e in aula parlano di #EmergenzaDemocratica e si battono contro la proposta di legge elettorale.
alessandro di battista generale pappalardo - 1
Il clamore dei rivoluzionari, che con i loro tamburi e megafoni chiedono ai parlamentari “abusivi” di uscire dalla Camera è tale che ad un certo punto davanti alla Camera si trova un po’ di tutto. Ci sono i leghisti “indipendentisti” che manifestano a favore del referendum del 22 ottobre e compaiono anche Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista. I 5 Stelle in Aula sono sulle barricate e in mattinata qualche attivista ha già protestato fuori dal Palazzo. Niente di più naturale quindi per il Dibba, novello capopopolo, di togliersi la giacca e salire sulle transenne che separano la folla da Palazzo Montecitorio. Il gesto è atletico e ricorda quello di un lottatore di wrestling che sale sul ring. La folla è inferocita e urla “Ladri, ladri”, “Onestà”, “dimissioni”.
alessandro di battista generale pappalardo - 2
Di Battista, convinto di avere di fronte i suoi (in fondo c’è chi gli chiede “la sovranità monetaria”), attacca dicendo: “non so chi ha organizzato questa manifestazione ma grazie di essere qui”. Subito viene sommerso da un boato, una bordata di fischi e da urla che indicano “il Generale!!!” e spiegano che è “il Popolo” ad averla organizzata. Il Dibba fa spallucce come a dire “si vabbè” e attacca: «Solo Mussolini e De Gasperi hanno messo la fiducia sulla legge elettorale, è uno schifo. Non è solo una legge contro una forza politica, ma contro la democrazia»

Ci sono attimi di imbarazzo, ben documentati da questo video postato in diretta su Facebook. A nessuno degli astanti interessa la legge elettorale, che si chiami Porcellum o Rosatellum, non è quello il problema. Ai rivoluzionari interessa che gli abusivi escano dal Palazzo e le urla non consentono a Di Battista di terminare il suo concione. Lui ci prova, cambia megafono per farsi sentire meglio, si sbraccia ma il Popolo non molla: “Buffoni, ladri, ridateci le chiavi. Devi uscire pure tu, abusivo, non restare dentro”. A quel punto il pentastellato non può far altro che scendere dalla balaustra e tornare dentro la Camera, tra i fischi. Pappalardo coglie la palla al balzo e rassicura i suoi:  “Loro stanno nel palazzo a parlare con i ladri, io con i ladri non ci parlo”. Ennesimo colpo di teatro di un Generale con vitalizio da parlamentare che è riuscito a convincere la folla che lui è diverso da quelli che stanno dentro.  L’ex generale è stato fatto accomodare nell’atrio del palazzo Montecitorio dove verrà ascoltato da un rappresentante dell’ufficio della Presidenza.

Leggi sull’argomento: La rivoluzione di piazza del Popolo e il piccolo malore del generale Pappalardo