Fact checking

Alessandro Di Battista: cosa c'è dietro il bravo ragazzo che telefona alla mamma per dirle che Renzi è un bugiardo

di battista mamma referendum

La settimana scorsa Alessandro Di Battista ha raccontato a Vanity Fair un episodio della sua vita davvero imbarazzante: in vacanza a Corfù con la famiglia viene trascinato dal padre a caccia del “panfilo” di D’Alema per urlargli “hai tradito i valori della sinistra, ti sei venduto al capitale e all’imperialismo americano“. Momenti di italica fierezza: il gommoncino dei Di Battista contro il “panfilo” di Massimo D’Alema, da una parte il leader del PDS dall’altra un uomo che si è definito fascista. Ieri sera invece Di Battista ci ha fatto “conoscere” sua madre trascrivendo un dialogo surreale avuto con lei al telefono.
di battista mamma referendum

La mamma di Di Battista si fa fregare da Renzi?

Una scenetta divertente dove la signora Di Battista rinfaccia al figlio di guadagnare diecimila euro al mese (ci piace immaginare che sia stata la vicina di cas(t)a – quella pettegola Piddina – a dirlo alla mamma del Dibba). Il buon Alessandro, in attesa di salire sul palco per uno degli eventi del tour di Io Dico No dopo aver detto che quella storia dei 10.000 euro è stata messa in circolazione da Renzi (ma come fa la mamma di Dibba a credere a Renzi?) pazientemente spiega alla madre di aver restituito dall’inizio della legislatura 179.552,60 euro, che sono tanti soldi. Non dice quanti ne prende al mese però. La mamma però sembra rassicurata dalla risposta del figlio e lo invita a pranzo a mangiare la parmigiana. Ma il 28 Di Battista non può, c’è il Restitution Day, ecco perché aveva parlato dell’ammontare delle sue restituzioni. Che bravo ragazzo Alessandro.

di battista mamma referendum
Il “fact checking” di Giuditta Pini

Il fact checking che non c’è di Giuditta Pini

La storiella edificante è stata ovviamente oggetto di diversi sfottò, sia nei commenti al post che su altre pagine Facebook, ma soprattutto è stata “sviscerata” da Giuditta Pini, la deputata PD che nel corso di questa legislatura si è assunta l’incarico di fare il fact checking delle affermazioni dell’opposizione. Secondo la Pini il deputato Cinque Stelle dice le bugie a mammà, perché non è vero che prende meno di 10.000 euro al mese. La fonte dell’analisi della deputata Dem è il sito Tirendiconto, ovvero il famoso sito dove i parlamentari del MoVimento pubblicano i rendiconti di quanto guadagnano e di quanto spendono. La maggior parte delle rendicontazioni è ferma a maggio e – come ho spiegato qui – non è poi così trasparente come vorrebbe essere. C’è da dire però che tra tutti i parlamentari pentastellati Di Battista è uno dei più virtuosi, al contrario di altri suoi colleghi romani non si fa rimborsare le spese per l’alloggio (e ci mancherebbe) ed è abbastanza puntuale con le rendicontazioni (le sue si fermano al mese di luglio 2016). Ma è vero quello che dice la Pini, ovvero che è falso che Di Battista prende meno di diecimila euro al mese? Come tutti sanno o dovrebbero sapere lo stipendio lordo di un parlamentare è pari a 10.435 euro, che sono pari a poco più di cinquemila euro netti al mese. Il MoVimento ha però deciso che lo stipendio dei suoi deputati e senatori deve ammontare a cinquemila euro lordi al mese,  ovvero all’incirca tremila euro netti (euro più euro meno). Da dove saltano fuori gli altri settemila euro? Dai rimborsi forfettari che ogni parlamentare percepisce mensilmente e che sono composti dalla diaria, dal rimborso spese di viaggio e per l’esercizio del mandato (tra cui gli stipendi dei collaboratori parlamentari). Ad esempio a luglio Di Battista ha percepito 3.603,66 euro che sommati ai rimborsi per le spese sostenute (6.950,76 euro) fa 10.554,42 euro, proprio la cifra “scoperta” dalla Pini.
di battista mamma referendum
Non è però corretto dire che Di Battista ha guadagnato quei soldi perché sempre a Luglio – stando a quanto dichiara Di Battista – 2.734,60 sono stati spesi per gli stipendi dei collaboratori mentre il restante è rendicontato come spese per eventi sul territorio, trasporti, vitto etc. Certamente è altrettanto sbagliato dire che i Cinque Stelle fanno politica “con tremila euro netti di stipendio al mese” perché gran parte delle spese per l’attività politica vengono rimborsate (e anche nel M5S c’è chi fa il furbo), ma in un paese civile è giusto che la politica abbia un costo.
referendum sondaggio voto età

I bravi ragazzi del M5S a caccia dei voti degli ultracinquantenni

Non è certo la prima volta che il tema degli stipendi dei parlamentari e dei costi della politica entra nel dibattito sul referendum costituzionale anche se la riforma non riguarda gli stipendi di deputati e senatori ma solo quelli dei consiglieri regionali (delle regioni a statuto ordinario). Il modo con cui Di Battista lo affronta però è un modo nuovo, diverso dalle solite strategie utilizzate fin’ora da una parte e dall’altra. Lo fa con una letterina alla mamma che serve sostanzialmente per tentare di puntare a quella fascia di elettorato che secondo i sondaggi è quella maggiormente a favore della riforma Renzi Boschi. Si tratta degli over 55 (proprio come la mamma del Dibba) che sembrano essere maggiormente propensi a votare Sì al referendum del 4 dicembre. Fino a questa settimana sia IPR che Tecnè davano in vantaggio il sì tra gli ultracinquantenni, ora Tecnè indica che forse il No sta vincendo anche lì ma la situazione rimane in ogni caso incerta. Sono pochi i deputati che si possono permettere di giocare sull’immagine dei “bravi ragazzi” che piacciono tanto alle mamme e alle nonne, quelli che telefonano a casa “per farsi sentire” e non si dimenticano dei propri genitori e gli spiegano magari come collegare la stampante, leggere una mail o cosa votare al referendum. Due su tutti Luigi Di Maio con i suoi impeccabili completi blu da prima comunione e Alessandro Di Battista, il figlio che rimprovera affettuosamente la madre per aver creduto alle menzogne di Renzi sul suo conto (pare di sentirlo “mamma, Matteo è un poco di buono, non dargli retta, io sono quello che viene a mangiare la parmigiana, ricordi?”). Il racconto di Di Battista non parla ai giovani elettori (che sono già convinti) ma a quell’elettorato di genitori e nonni che crede ancora che qualche giovane onesto ci sia in questo Paese. Di Battista l’ha fatto in un modo diverso da D’Alema (dopo la vicenda al largo della Grecia i due ora sono nella stessa barca), che qualche giorno fa ha dichiarato (dall’alto dei suoi 67 anni) che gli anziani votano Sì perché non capiscono niente. Funzionerà? Alza la cornetta, Di Battista ti aspetta.