Attualità

Il maestro di karate accusato di aver molestato ragazzine

alberto evangelista karate molestie

Alberto Evangelista, maestro di karate 83enne, è accusato di aver molestato quattro allieve minorenni di un corso di karate. Il PM Silvia Santucci ha ottenuto per lui gli arresti domiciliari. La storia è raccontata oggi dal Corriere Roma e i fatti sarebbero accaduti in una palestra a Monteverde:

I fatti –secondo l’accusa sono avvenuti nel corso del 2017 quando le due ragazzine s’iscrivono al corso di karate. A impartire le lezioni è Evangelista, molto famoso nell’ambiente delle arti marziali. Entusiaste, non mancano mai a un appuntamento. Poi però qualcosa cambia. Da adolescenti piene di brio si trasformano in ragazze schive, soprattutto in famiglia. Si chiudono e d’un tratto arrivano a chiedere persino di evitare di andare a lezione, proprio loro che hanno sempre avuto una passione sconfinata per il karate.

In particolare a insinuare nei genitori i peggiori incubi sono alcune frasi scritte da una delle figlie in un tema sul Minotauro. Queste le parole che accendono il campanello d’allarme: «Un piccolo e insignificante pugnale non ucciderà il mostro(….). II mio cuore è d’acciaio, ma quello di colui che devo uccidere è di ghiaccio(…) Quando tornerò, sarò sporca e mi vergognerò tanto (…) ». Frasi che aprono scorci su una realtà impronunciabile.

La madre decide di portare all’attenzione della procura i dubbi sul dramma vissuto dalle figlie. E cosi il pm sente le due alunne di karate in audizioni protette. La sicurezza avvertita nelle stanze al terzo piano di piazzale Clodio le convince a raccontare, tra le lacrime, gli abusi del maestro. L’insegnante – secondo i loro racconti – approfitterebbe del suo ruolo per importunarle. Emerge anche la ragione per cui le due ragazze scelgono per tanto tempo il silenzio.

Il maestro è rispettato, e l’aurea di stima che si porta intorno le fa stare zitte, impaurite dalle conseguenze. Verificata la credibilità delle due vittime, il pm procede a chiedere (e ieri a ottenere) i domiciliari dell’indagato.

Evangelista era stato protagonista anche di un servizio delle Iene nel quale ha negato tutte le accuse, tra cui quella di averle toccate e baciate.

Leggi sull’argomento: Il Fatto e Il (presunto) lavoro nero di Renzi con il padre Tiziano