Opinioni

«Al MoVimento non interessa vincere a Napoli e Roma»

Enrico Mentana rilascia un’intervista al Fatto Quotidiano in occasione della kermesse di Imola per spiegare che forse al MoVimento 5 Stelle non interessa tanto vincere a Roma e a Napoli, visto che ha deciso di non candidare big alla corsa per il sindaco:

Quindi lei non crede che gli convenga vincere a Napoli e Roma, ad esempio?
Noi addetti ai lavori, opinionisti e osservatori siamo abituati ai partiti in un altro modo. Ma loro sono nati e cresciuti con uno spirito diverso, perché dovremmo spiegargli noi come si sta al mondo? Non ne siamo in grado e neppure ne abbiamo diritto.
C’è anche l’ipotesi che potrebbero non ritenere strategico vincere in quelle città, Roma e Napoli potrebbero essere rogne… è possibile sia così?
Sì, assolutamente. Potrebbe non interessargli vincere. Per loro potrebbe essere più importante in questa fase mantenere la regola di far scegliere il candidato alla rete escludendo dalla corsa chi ha incarichi in altre istituzioni. Ma per questo dico che siamo abituati ad altre modalità e non ci rendiamo conto di essere di fronte a un fenomeno nuovo: chi poteva immaginare che da zero alle politiche del 2013 avrebbero ottenuto il 25 per cento dei voti? Loro fanno legittimamente le loro scelte, condivisibili o meno. E a noi rimane la scelta di votarli o non votarli.
Insomma, siamo noi che non capiamo?
Credo che forse dipende anche dal fatto che spesso i Cinque stelle hanno un atteggiamento indisponente verso la libera stampa, che qualche volta proprio così libera, però, neppure lo è. E questo, comunque, non basta a giustificare un nostro arrogarci il diritto a dettare la linea al Movimento cinque stelle.

movimento 5 stelle casaleggio

Leggi sull’argomento: Luigi Di Maio, il geologo e il reddito di cittadinanza