Opinioni

A Matteo Salvini la paura non basta

Matteo Salvini non sfonda. La sua Lega rimane ferma nei sondaggi anche in piena emergenza terrorismo e nonostante le dirette con selfie da Bruxelles. E così, spiega oggi un articolo di Salvatore Borghese con dati Youtrend pubblicato oggi dal Fatto, il Carroccio rimane ancorato al 15% nei sondaggi nonostante il tentativo di sfruttare la paura.

E in Italia? Il nostro Paese nonè statovittima diattentati, quindi gli effetti sull’opinione pubblica sono limitati. Gli attentati a Bruxelles hanno fatto però riemergere la paura del terrorismo,che potrebbe condizionare l’agenda politica dei prossimi mesi. Prima degli ultimi attacchi in Belgio, il terrorismo era considerato la minaccia più grave dal 23% degli italiani (sondaggio Ipsos), in calo rispetto al 28% registrato a dicembre. Oggi ben l’84% degli intervistati da Euromedia teme un attentato in Italia. Secondo Ixè, invece, il 39% lo ritiene la principale fonte di timori, più della crisi economica. Ma questo non è necessariamente destinato a gonfiare le vele dei partiti più xenofobi: per un 18% che ritiene necessario chiudere le frontiere, il 14% chiede invece maggiore integrazione, a partire dalle scuole;la maggioranza (57%) vuole invece un aumento dei controlli sul territorio nazionale. Dati che si riflettono anche sul consenso ai partiti: nonostante la massiccia presenza di Matteo Salvini sui media in seguito agli attentati, la Lega Nord anche nelle ultime rilevazioni rimane ferma al 14-15%, un valore che non supera da oltre un anno.

matteo salvini paura
Consenso prima e dopo le stragi, Il Fatto Quotidiano (Youtrend), 29 marzo 2016

Leggi sull’argomento: Cosa stava facendo Salvini a Bruxelles?

Alessandro D'Amato

Il direttore di neXt Quotidiano