Fatti

Zimbabwe, l'arresto di Mugabe

zimbabwe mugabe 2

Non è un colpo di Stato, ripete l’account Twitter del partito di governo dello Zimbabwe, Zanu-Pf, mentre annuncia che il presidente Robert Mugabe e la sua famiglia sono stati arrestati e sono “al sicuro” e spiegando che l’arresto è necessario per la sanità della nazione. Il segretario generale del principale partito di opposizione in Zimbabwe, Douglas Mwonzora del Movimento per il cambiamento democratico (MDC-T), ha assicurato che l’esercito sta prendendo il potere nel Paese.

Zimbabwe, l’arresto di Mugabe

“È la definizione standard di un colpo di Stato, se non è questo un golpe, cosa lo sarebbe allora?”, ha detto in una intervista telefonica al canale sudafricano ANN7  Mwonzora, avvertendo che il partito al potere (ZANU-PF) “lo nega, ma ha ha già perso il controllo”. Mwonzora è scettico anche sulla nota di smentita dei militari. “È normale sentire comunicati del genere quando i militari intervengono”, ha avvertito. Intanto nella notte esplosioni sono state udite a Harare, capitale dello Zimbabwe mentre, secondo la Bbc, i militari hanno preso il controllo della tv statale Zbc.
zimbabwe mugabe
I militari hanno letto in diretta tv un comunicato. “Non è una presa di potere dell’esercito sul governo”, ha detto un generale leggendo la dichiarazione. “Vogliamo assicurare che sua eccellenza il presidente…e la sua famiglia siano al sicuro e che la sua sicurezza sia garantita”, ha aggiunto, sostenendo che i militari stanno dando la caccia “ai criminali” che circondano il presidente. “Non appena avremo compiuto la nostra missione ci attendiamo che la situazione torni alla normalità”.
zimbabwe mugabe 1

L’addio di Mugabe in preparazione

Tra i “criminali” che circondano il presidente ci dovrebbe essere anche il ministro delle Finanze Ignatius Chombo, anche lui arrestato secondo quanto riferisce il sito locale dell’Huffington Post citando una fonte del governo. Chombo è un personaggio di punta della fazione “G40” (Generation 40) del partito di governo Zanu-Pf, ricorda il sito. Il gruppo, guidato dalla consorte del presidente Robert Mugabe, Grace, secondo indiscrezioni accreditate da altri media stava lavorando per impedire che salisse al potere la “Lacoste Faction”, ossia i sostenitori del vicepresidente defenestrato Emmerson Mnangagwa (detto “il coccodrillo”). Il G40 voleva Grace come presidente.
zimbabwe mugabe 3
Il presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, starebbe pianificando di lasciare il proprio incarico, a poche ore dalla presa di potere dei militari nel paese. A scriverlo è il sito di notizie sudafricano, News24, riferisce la Bbc. “Mugabe si sta preparando a lasciare- fonte di alto livello”, si limita a scrivere il sito. Arrestato anche il titolare dell’Educazione Superiore Jonathan Moyo e quello delle opere pubbliche, anche commissario politico dello Zanu-Pf, Saviour Kasukuwere. I tre fanno parte del gruppo conosciuto come G40, una corrente del partito al potere che secondo gli analisti cerca di espellere i veterani della guerra di indipendenza, tra i quali figura Emmerson Mnangagwa, destituito per spianare la strada del potere alla first lady Grace Mugabe. Secondo la stampa locale, Moyo è il cervello della fazione, una delle tante in cui si è diviso il partito, per organizzare la successione di Mugabe, 93 anni, al potere dal 1980.