Fatti

La donna indagata a Udine per un messaggio bufala su un attentato su Whatsapp

whatsapp udine

«Ragazzi, vi dò una notizia che dovete prendere in base a quello che ritenete, senza creare panico»: comincia così il solito messaggio bufala finito su Whatsapp a Udine, ma stavolta con una novità: l’autrice si è presentata in Questura ed è stata indagata per procurato allarme.

La donna indagata a Udine per un messaggio bufala su Whatsapp

Il messaggio è molto simile ad altri che hanno girato in questi giorni: racconta di un (falso, ovviamente) avviso di allerta del ministero dell’Interno su tutto il Nordest e si chiede di divulgare la notizia il più possibile. I maggiori centri di aggregazione come Arlet e Città Fiera sarebbero a rischio, oggetto di possibili attentati. «Prendetela come vi sembra meglio, io cerco di avvisare più persone possibile», dice la donna nel messaggio pubblicato dal Messaggero Veneto.

Dopo la diffusione del messaggio anche sul web una donna di 43 anni residente in città si è presentata nella serata di ieri alla Questura del capoluogo friulano ammettendo di essere l’autrice del messaggio. Il messaggio, complice anche il clima di allerta dopo i recenti attentati a Berlino e Istanbul, era stato rapidamente condiviso, soprattutto nell’area del Nordest ma altrettanto rapidamente era stato smentito. La Questura di Udine in una nota ribadisce che “il livello di attenzione delle Forze di Polizia è attualmente massimo. Si invitano quindi i cittadini a rivolgersi alla Questura o alle altre Forze dell’Ordine nel caso in cui vengano a conoscenza di informazioni che, anche a loro parere, possono costituire elemento interessante”. La donna è indagata per procurato allarme e la Procura ha disposto una perquisizione nei suoi confronti che ha portato al sequestro di tutti i dispositivi elettronici, computer e cellulare, in suo possesso. I dispositivi verranno attentamente analizzati per verificare se per caso la donna abbia ricevuto notizie precise in merito a eventuali attentati. Nel caso dovessero emergere elementi di sospetto, il caso verrà segnalato alla Procura distrettuale di Trieste, competente in materia di terrorismo. Non è escluso che altre persone possano essere coinvolte nell’indagine.  La donna aveva inciso l’audio e lo aveva spedito a un gruppo WhatsApp di mamme, da cui il messaggio aveva poi avuto diffusione capillare e virale: «L’ho fatto con leggerezza, inconsapevole delle conseguenze».