Fatti

Il pericoloso giochetto di Walter Nudo che accosta gli integratori alla guarigione dal Covid

L’attore ed ex pugile Walter Nudo, positivo al Covid, spiega su Instagram i passaggi della sua guarigione menzionando e sponsorizzando integratori che però nulla c’entrano con le cure riconosciute dalla comunità scientifica

walter nudo covid integratori

Walter Nudo è positivo al Covid: contagiato dal virus insieme alla compagna, si trova ora in isolamento. L’attore sta raccontando le sue giornate sui suoi profili social da quasi 250mila follower su Instagram (e altrettanti su Facebook), diffondendo notizie false e pericolose. D’altronde, da uno che fino a qualche mese fa parlava di “sistema padrone che comanda” e di “palle raccontate”, accostando l’immagine dell’attentato dell’11 settembre alle Torri gemelle con quella del vaccino anti Covid, c’è ben poco da aspettarsi. Nudo ha parlato di integratori, fornendone anche i dosaggi, accostandoli alla guarigione dalla malattia.

Walter Nudo accosta gli integratori alla guarigione dal Covid

“Qui sta andando tutto bene, ci stiamo avvicinando verso la negatività. Ringrazio tutti per i messaggi e mi rendo conto di quante persone siano isolate e nella stessa nostra situazione. La cosa importante è che vi prendiate cura di voi stessi. Sono molto importanti gli integratori e quindi ripeto ancora una volta qui la lista”. E poi l’elenco scritto e ripetuto di zinco, vitamina c, gocce e spray “immuni”. I giorni di isolamento procedono così come le stories su Instagram di Nudo che aggiorna i followers: “Buongiorno, qui tutto bene, stiamo guarendo sempre di più. La cosa che mi sono ricordato di dovervi dire sugli integratori che sto prendendo in questo periodo di positività più che mai è l’omega 3 di Salugea e anche in dosi belle toste”. Non manca, ovviamente, il tag all’azienda produttrice. Si tratta di integratori che l’attore prende abitualmente ma che, accostati in questo modo alla sua guarigione, rischiano di inviare un messaggio pericolosissimo a chi ascolta.

Gli integratori non funzionano per curare il Covid

La fake news del Covid guarito con gli integratori infatti circola da tempo negli ambienti no vax. L’Istituto superiore di sanità ha ribadito più volte l’inefficacia di queste terapie: nel rapporto “Integratori alimentari o farmaci? Regolamentazione e raccomandazioni per un uso consapevole in tempo di COVID-19” si dice testualmente: “Gli integratori alimentari possono essere usati per migliorare lo stato di benessere dei soggetti sani, ma il loro utilizzo a scopo terapeutico è improprio e potenzialmente pericoloso per la salute. Ciò è ancora più vero nei confronti di una malattia “nuova” come il COVID-19”. “Nell’ambito dell’emergenza COVID-19 – aggiunge l’Iss – le numerose proposte di utilizzo degli integratori alimentari hanno creato una forte aspettativa da parte della popolazione. Tale aspettativa non presenta tuttavia dei riscontri oggettivi sia in merito all’efficacia che alla sicurezza d’uso”.