Cultura e scienze

I volantini degli antivax nel libro di Roberto Burioni

roberto burioni comilva corvelva

Due volantini delle associazioni Comilva e Corvelva nel libro di Roberto Burioni “Il vaccino non è un’opinione”. È la curiosa scoperta fatta da due ragazzi che si sono fermati all’Autogrill Cantagallo sull’A1 qualche giorno fa. Il libro si trovava nello scaffale libri dell’autogrill e nella prima copia, quella che di solito si prende per sfogliare il libro e vedere se ci interessa, erano invece infilati i volantini di due delle associazioni no vax o free vax che hanno anche animato le manifestazioni contro il decreto Lorenzin.


Comilva è l’acronimo del “Coordinamento del Movimento Italiano per la Libertà di Vaccinazione. Si articola in Gruppi, Comitati o Associazioni radicate sul territorio il cui scopo è quello di ottenere la Libertà di Scelta in materia di Vaccinazioni e la tutela dei Diritti dei Danneggiati da vaccino”. Anche il Corvelva si presenta come “al fianco dei genitori per la libertà di scelta in tema vaccinale”, dal 1993. Di loro, guidati da un naturopata, abbiamo parlato in occasione del diabolico piano elaborato per fregare la Lorenzin:  prendere tempo e richiedere più documenti possibile in modo da intasare i centri vaccinali e temporeggiare fino alla prossima epidemia.

I volantini degli antivax nel libro di Roberto Burioni

Il contenuto dei volantini è interessante.  In questo articolo sul sito di Comilva la Lesmo ci spiega che i vaccini causano l’autismo: uno dei grandi dogmi dei No Vax. Nel volantino si piazza un elenco di “reazioni avverse” nella “testimonianza di una madre” (testimonial probabilmente involontaria dei Genitori Preoccupati Ma Informati™). Si parla di “40 dosi (?), 12 vaccini” a dimostrazione del fatto che probabilmente i volantini sono stati stampati qualche tempo fa, prima delle modifiche del decreto al Senato poi recepite dalla Camera. Anche il linguaggio utilizzato nei volantini è furbo: la frase “non esistono certezze che le vaccinazioni non abbiano correlazione etc” è sbagliata e furba. Perché ci sono ricerche che invece escludono già alcune correlazioni e non ci sono invece prove che il vaccino causi altro. Nel volantino si sintetizza con un “non ci sono certezze”…

roberto burioni comilva corvelva
I volantini dei free vax nel libro di Burioni (foto di: neXtQuotidiano)

Resta da capire come i volantini siano finiti lì. Visto che parliamo di volantini di due associazioni a loro modo “concorrenti” (anche se spesso partecipano insieme alle iniziative) è difficile anche solo ipotizzare che sia stato uno dei responsabili di una delle due a metterli nel libro. Più probabile che si tratti di qualche militante no-vax che ha trovato il modo di testimoniare la sua fede, magari passando in Autogrill al ritorno da una manifestazione. A meno che non diventi una nuova campagna.