Attualità

“Vi siete divertiti sul lungomare? E ora rischiamo la zona rossa”: De Luca attacca i “passeggiatori” | VIDEO

Vincenzo De Luca contro chi ha approfittato dei fine settimana in zona gialla per passeggiare sul lungomare e andare ai ristoranti. L’attacco dopo che la Campania è entrata in zona arancione

“Vi siete divertiti? Avete mangiato sul lungomare? Bravi, ora siamo zona arancione e forse entriamo in zona rossa”. Vincenzo De Luca non le manda a dire dopo che la regione Campania è entrata in zona arancione dopo l’ultimo monitoraggio: “Ho visto nel week end le transenne messe sul lungomare quando ormai non servivano più a niente. La sera dopo la sei, se ognuno fa quello che vuole, siamo perduti”.

vi siete divertiti rischiamo zona rossa video de luca

Il presidente della Regione si riferisce ai numerosi assembramenti che si sono verificati non solo nell’ultimo fine settimana, ma anche in quello precedente, che coincideva con San Valentino, bissato a pochi giorni di distanza dal martedì grasso. Quel giorno erano anche chiuse le scuole e come raccontavamo si sono verificate anche delle risse:

Le zone di Via Partenope e via Caracciolo ieri, come dimostra il video qui sotto, erano stracolme di passanti. Non solo ragazzi ma anche famiglie che hanno portato i bambini travestiti per il Carnevale a passeggiare e persone dirette a godersi un pranzo al ristorante sul lungomare, complice anche la giornata soleggiata che ha invogliato tanti ad uscire. A completare la serie di circostanze che ha contribuito a creare l’assembramento sul lungomare la chiusura delle scuole, come da calendario, per il martedì grasso. E così centinaia di ragazzi, molti dei quali senza mascherina, si sono trovati gomito a gomito. E ne è scaturita anche una rissa, come racconta il Corriere Napoli. La zona era presidiata dalle forze dell’ordine, che però erano in numero non sufficiente per controllare la marea di gente. A Napoli, diversamente da quanto è accaduto in altre grandi città come Roma, finora non è mai stata disposta la chiusura di alcune aree per prevenire assembramenti:

Le transenne sono state sistemate, pronte all’uso, nelle strade dei baretti. Ma è il lungomare la vera area calda, dove peraltro si condensa il traffico deviato a causa della perenne chiusura della galleria della Vittoria. Una zona che attira gruppi in arrivo da ogni angolo della città fra i quali si scatenano tensioni che ieri sono culminate in una rissa e un accoltellamento. Un 16enne è rimasto ferito ad una mano con un’arma da taglio in una rissa che si è scatenata in via Partenope, il minorenne è stato medicato in ospedale mentre i clienti che erano nei locali della zona e in strada sono fuggiti spaventati. La notizia dell’accoltellamento è stata diffusa da Confesercenti — che parla di gravi danni per l’economia e riferisce anche di un’aggressione ad un automezzo del 118 — ed è stata confermata dalla Polizia.

La Campania è in zona arancione da domenica 21 febbraio e ci resterà per 15 giorni a causa elll’aumento dei contagi e dell’indice Rt che è salito a 1,16 (dopo l’Rt a 1,25 scatta la zona rossa). “Allo scopo di contrastare e contenere il diffondesti del virus Covid19, fermo restando quanto previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 14 gennaio 2021 e fatta salva la possibilità di una nuova classificazione, alla Regioni Campania, Molise ed Emilia Romagna si applicano di cui all’articolo 2 del citato decreto”, viene spiegato nell’ordinanza firmata dal ministro Speranza.