Attualità

Chi è l’uomo immerso fino al collo in acqua e grandine a Verona

Si tratta di Daniele Iattarelli che ha lo studio di dentista in piazzetta Santo Stefano a Verona

uomo immerso acqua grandine verona

Ieri il Veneto è stato colpito da un violento nubifragio che ha interessato le province di Verona, Vicenza e Padova. A Verona molte le strade allagate dove l’acqua ha superato anche il metro e mezzo. Almeno 500 alberi sono stati abbattuti, secondo i Vigili del fuoco che hanno ricevuto centinaia di chiamate. Un video mostra un uomo immerso fino al collo in acqua e grandine a piazzetta Santo Stefano: oggi il Corriere della Sera racconta che si tratta di Daniele Iattarelli che ha lo studio di dentista da quelle parti:

A «No, il video non l’ho visto…». Ore 21.45, il video dove l’acqua arriva fino al collo di Daniele Iattarelli è di circa quattro ore prima. Quelle immagini hanno fatto il giro del web. Dentista, lo studio a Verona vicino a Piazzetta Santo Stefano da dieci anni, Daniele è lì che porta fuori dal suo laboratorio il salvabile, cioè poco e niente, aiutato dagli amici. «L’acqua ha sfondato porta e finestra, due stanze più bagno allagati, è arrivata fino a un metro e 70. Nel giro di dieci minuti ero messo come in quelle immagini… In strada mi aggrappavo ai tubi, vicino ai muri, perché non riuscivo ad andare avanti».

uomo immerso acqua grandine verona

Suo fratello racconta: «Daniele è andato in ipotermia,  un ragazzo l’ha spogliato e abbracciato per salvarlo, poteva davvero lasciarci le penne». Piazzetta Santo Stefano è uno dei luoghi di Verona più colpiti. Basta superare l’Adige, pochi minuti dal centro. Le Torricelle, da cui si domina la città, sono vicine. «È dalle Torricelle che viene giù tutto intasando i tombini», dice Paola Bonifatto. La sua bottega è dietro l’angolo, rispetto al laboratorio di Iattarelli. Produce stampe, il che vuol dire macchine elettroniche e carta da buttare via. «Se con l’alluvione del 2018 contammo circa 10 mila euro di danni, tutti soldi mai risarciti, adesso ci saranno 200 mila euro di materiale andato. Una piccola alzaia l’avevamo messa ma la grandine ha sfondato la vetrina».

Leggi anche: Punta Canna: il bagno fascista di Chioggia trasmette Faccetta nera con i saluti romani