Fatti

La donna travolta e uccisa sulla tangenziale di Milano mentre soccorreva un motociclista ferito

neXt quotidiano|

Vania Giglio

Stava percorrendo la Tangenziale Est di Milano, nei pressi delle uscite tra Lambrate e Cascina Gobba. Davanti a lei, pochi istanti prima, un giovane motociclista era rimasto vittima di un tamponamento. Vania Giglio, istintivamente, ha deciso di interrompere la sua marcia, accostare sulla corsia d’emergenza di quel tratto a tre corsie per andare a verificare le condizioni del ragazzo, rimasto a terra con una ferita alla gamba. E proprio in quell’istante di puro altruismo, la donna è stata travolta da un’altra vettura. Purtroppo per la 43enne residente a Rho, i soccorsi sono stati vani e si è spenta qualche ora dopo all’Ospedale Niguarda del capoluogo lombardo.

Vania Giglio, la donna morta mentre soccorreva un motociclista a Milano

Una tragedia avvenuta allo scoccare della mezzanotte tra sabato e domenica. Vania Giglio si era fermata per capire le condizioni del motociclista ferito. Era stata proprio lei, infatti, a chiamare il 118. Ma, subito dopo, il buio di quella notte è stato squarciato da quei fari di una Mercedes Classe A che l’ha travolta. Alla guida una donna di 65enne che, all’arrivo dei soccorsi, era in stato di choc e con un trauma addominale provocato dall’impatto. Un impatto fatale per la 43enne ex dipendente dell’Humanitas di Rozzano e che viveva a Rho, soccorsa immediatamente e trasportata d’urgenza nel vicino ospedale Niguarda.

Le sue condizioni, però, erano apparse immediatamente disperate. All’arrivo all’Ospedale Niguarda di Milano i medici l’hanno sottoposta a una delicata operazione chirurgica. Ma le ferite erano troppo gravi. Diciassette ore dopo quel tremendo impatto su quel tratto della Tangenziale Est, il personale sanitario è stato costretto a constatare il decesso della donna. Una donna travolta e uccisa dopo aver deciso di non voltare la testa davanti a un incidente stradale, con un giovane rimasto contuso a terra. Ma quegli istanti sono stati fatali.

(foto: da Facebook)