Cultura e scienze

Tumori, le dodici regole per la prevenzione

tumori dodici regole prevenzione

Il numero di tumori diagnosticati è in calo. Complessivamente nel nostro Paese ogni giorno circa mille persone ricevono una nuova diagnosi di tumore maligno: nel 2019 sono infatti state stimate 371 mila nuove diagnosi (196 mila negli uomini e 175 mila nelle donne). Erano 373mila nel 2018: 2.000 in meno in 12 mesi.  Le buone notizie sono anche altre:  sei italiani su dieci (per la precisione il 63 per cento delle donne e il 54 degli uomini) superano la «fatidica» soglia dei cinque anni dalla diagnosi, dopo la quale i controlli sono sempre più diradati e si inizia a sperare concretamente nella guarigione.

tumori dodici regole prevenzione 1
Il numero di diagnosi di tumori (Corriere della Sera, 25 settembre 2019)

A dare il censimento ufficiale della situazione nel nostro Paese è il volume «I numeri del cancro in Italia 2019». Il Corriere della Sera pubblica invece un’infografica che riepiloga le dodici regole per la prevenzione del tumore secondo il Codice Europeo contro il cancro. La prima è sempre la solita: non fumare e non consumare nessuna forma di tabacco. Poi c’è l’obbligo di rendere la casa libera dal fumo e quello di attivarsi per mantenere un peso sano, anche svolgendo attività fisica ogni giorno e limitando il tempo che si trascorre seduti. C’è l’importanza di seguire una dieta sana consumando cereali integrali, legumi, frutta e verdura, limitare il consumo di alcolici, evitare un’eccessiva esposizione al sole.

tumori dodici regole prevenzione
Tumori, le dodici regole per la prevenzione (Corriere della Sera, 25 settembre 2019)

E ancora: c’è il consiglio di proteggersi dall’esposizione ad agenti cancerogeni noti, ridurre i livelli elevati di radon in casa, allattare al seno per le donne, vaccinarsi e partecipare a programmi organizzati di screening per il cancro. Se si seguissero queste dodici regole il 30% dei tumori in Europa potrebbero essere evitati.

Leggi anche: Guerra al contante: come funzionano le detrazioni per chi paga con il bancomat