Fatti

Troppe bestemmie mentre si gioca: il parroco fa togliere le porte al campetto di calcio della chiesa

Succede in provincia di Eraclea, in Veneto. La decisione del prelato a causa del comportamento incivile di chi utilizza i campetti

Don Mirco Pasini

A mali estremi, estremi rimedi. La decisione sui generis di don Mirco Pasini ha diviso la comunità di Torre di Fine, piccolo centro frazione di Eraclea (in provincia di Eraclea). Per mettere un freno alle troppe bestemmie, alle urla e al comportamento incivile di alcune persone, il parroco della chiesa di San Ferdinando Re ha deciso di far rimuovere le porte dal campo di calcetto all’interno dei terreni della sua oratorio. Stesso destino anche per quello, vicino, dedicato al basket.

Don Mirco Pasini, il parroco che toglie le porte dal campo per le troppe bestemmie

Come riporta Il Gazzettino, don Mirco Pasini ha provato – per mesi – a dissuadere i giovani che frequentano e utilizzano i campi da gioco della sua parrocchia, tentando la via del dialogo. Si tratta di giovani tra i 16 e i 18 anni che, però, non sembrano aver accolto a braccia aperte le indicazioni date dal parroco per l’utilizzo del manto erboso sui cui è possibile giocare a calcetto. Per questo motivo, dopo una trattativa dialettica non andata a buon fine, ecco arrivare il gesto forte: rimuovere le porte e i canestri per rendere quegli spazi – di fatto – inutilizzabili per giocare e praticare sport.

Per colpa di pochi, ci rimetteranno tutti. Lo sa bene don Mirco Pasini che, però, è sicuro che questa sua mossa possa scuotere le coscienze. Perché non si tratta solamente di imprecazioni, ma anche di mozziconi di sigaretta gettati a terra e di urla sguaiate, anche durante le funzioni. “Il problema non è solo di fede. Bestemmiano anche contro il sottoscritto, usano un linguaggio non consono, non c’è alcun rispetto della comunità e gettano rifiuti a terra”, ha spiegato il parroco a Il Gazzettino. Dopo il suo annuncio, alcuni giovani hanno chiesto di poter ripulire la zona esterna dell’oratorio.

(foto: esterno parrocchia San Ferdinando Re, Torre di Fine – da Google Maps)