Fatti

Il tribunale di Roma riammette gli espulsi del M5S

tribunale espulsi 5 stelle

Il tribunale civile di Roma ha riammesso i tre espulsi del MoVimento 5 Stelle salvando però il risultato delle Comunarie che hanno incoronato Virginia Raggi. Al tribunale si erano rivolti tre espulsi del M5S per chiedere l’annullamento delle Comunarie a 5 Stelle a Roma, vinte da Virginia Raggi nel febbraio scorso. Paolo Palleschi, Roberto Motta e Antonio Caracciolo erano i tre che avevano deciso di adire le vie legali e il giudice “ha accolto la domanda di sospensiva delle espulsioni”, annullando dunque i cartellini rossi, “ma ha giudicato inammissibile” la richiesta di annullare le consultazioni online che hanno visto trionfare Virginia Raggi. Lo scrive l’agenzia di stampa ADNKronos che cita Palleschi, uno dei tre espulsi.

Il tribunale di Roma riammette gli espulsi del M5S

I ricorrenti chiedevano l’annullamento delle comunarie del M5S Roma e la cancellazione della loro espulsione. “La nostra – ribadiva all’epoca Palleschi – non vuole essere una iniziativa ‘contro il Movimento’, ma al contrario è un’azione che mira a riaffermare con forza quei principi di legalità, condivisione, trasparenza e correttezza, per amore dei quali io e gli altri ricorrenti ci iscrivemmo al M5S”. I tre ricorrenti insistono affinché la Raggi faccia un passo indietro. La sospensiva non chiude la questione, il processo andrà avanti fino a sentenza definitiva. Secondo Paolo Becchi, professore di filosofia del diritto all’università di Genova, il ricorso, di cui ha scritto qualche giorno fa sul Giornale, potrebbe essere il sassolino nell’ingranaggio che fa saltare i grillini:

Le espulsioni chesaranno discusse in Tribunale oggi in tarda mattinata (ma anche quelle di tutti gli altri che non hanno fatto ricorso) sono state disposte in violazione di quanto disponel’art.24 del Codice civile, il quale riserva all’assemblea degli associati il potere di escludere gli iscritti, soltanto laddove sussistano «gravi motivi». La circostanza che la procedura di espulsione ricalchi quanto previsto dal Regolamento pubblicato sul blog beppegrillo.it il 23.12.2014 è del tutto irrilevante sotto diversi profili, ma in primo luogo in quanto il patto associativo degli iscritti è regolato dal Non Statuto,e questo non può essere modificato che con l’accordo degli associati.
Il Regolamento, non essendo stato elaborato e deliberato nelle forme di legge, dovrebbe pertanto essere considerato giuridicamente inesistente o quantomeno nullo, con conseguenze che potrebbero andare molto al di là del caso concreto. Ora è ovvio che se questo Regolamento fosse dichiarato dal Tribunale inesistente o nullo, ciò avrebbe conseguenze dirompenti.

Ovvero, secondo Becchi, i ricorrenti potrebbero dimostrare che la carica di Capo Politico del MoVimento non è prevista dal non statuto e non sono previste nemmeno le modalità di elezione. “Tecnicamente – ha spiegato Palleschi all’Adnkronos – è stata accolta la domanda di sospensiva delle espulsioni. In sintesi, quelle espulsioni sono state ritenute illegittime”. Dunque, secondo il ricorrente, “dal punto di vista politico, a nostro avviso, si pone eccome la questione ‘comunarie’: è ingiusto andare avanti con Raggi quando alcune persone sono state ingiustamente fatte fuori dalla corsa. Ma la valutazione sul che cosa fare, ora spetta solo al M5S”. Secondo l’ex grillino, “molto dispiaciuto e toccato per la morte di Casaleggio, “l’aspetto giuridicamente più interessante è che sono state distinte le due associazioni, ovvero quella creata nell’ottobre del 2009 e quella nata successivamente, ovvero nel 2012 da Grillo, il nipote, un commercialista e Casaleggio”. Una questione non da poco, che potrebbe “mettere in crisi l’intera struttura del Movimento”, che, con questa ‘doppia identità’, sembra ora poggiare “su basi d’argilla”.