Fatti

Tragedia a Città del Messico, crolla ponte mentre passa la metropolitana: almeno 13 vittime | VIDEO

I soccorritori parlano anche di moltissimi feriti (tra i 50 e i 70) di cui alcuni in condizioni gravi. L’incidente è avvenuto nei pressi della stazione di Olivos della linea 12 della metropolitana della capitale messicana

Città del Messico

Il bilancio è tragico, mentre ancora sono in corso i soccorsi. Fonti ufficiali parlano di almeno 13 vittime dopo il crollo di un ponte ferroviario a Città del Messico. Il viadotto, come si vede dalle immagini diffuse dai media messicani, si è spezzato in due al momento del passaggio di uno dei convogli della metropolitana della linea 12, nei pressi della stazione di Olivos, nella zona Sud della capitale. I soccorritori parlano di moltissimi feriti (alcuni anche gravi). Queste le immagini del momento del crollo.

Si vedono le luci della motrice di quella metropolitana che indicano il suo passaggio in quel punto esatto. Poi, proprio in quel frangente, il ponte cede trascinando con sé i vagoni che si accartocciano e cadono nella strada sottostante. I soccorsi, accorsi sul posto pochi istanti dopo la tragedia, stanno ancora lavorando tra le lamiere e i detriti per estrarre le persone ancora incastrate.

Città del Messico, crolla ponte mentre passa la metropolitana: almeno 13 vittime

Non si conoscono ancore i motivi del cedimento e le indagini saranno avviate non appena si saranno concluse le operazioni di soccorso. Per il momento si conosce solamente il momento esatto in cui il ponte della metropolitana (quella che taglia la capitale del Messico dalla zona Sud-Est a quella Sud-Ovest) si è spezzato in due, finendo per invadere anche la carreggiata sottostante. Erano circa le 22.30 (ora messicana) e in quel momento il viadotto stava sostenendo il passaggio (come sempre) di uno dei treni della metropolitana di Città del Messico.

Per il momento, i soccorritori parlano di almeno 13 vittime (anche se alcune fonti dicono 15 morti) e almeno 50 feriti (altri citano quota 70). Ma questi dati, purtroppo, potrebbero essere solamente parziali.

(foto: da Twitter, Roberto Zichittella)