Trend

Il deputato americano che per fare gli auguri di Natale posta una foto della sua famiglia armata fino ai denti

Thomas Massie, repubblicano ed esponente del movimento populista di destra Tea Party, ha postato una cartolina di auguri di Natale in cui ogni membro della sua famiglia, riunita sotto l’albero, imbraccia un’arma da fuoco

thomas massie armi deputato stati uniti

“Buon Natale a tutti. Per favore, Babbo Natale, portaci le munizioni”. Fa discutere negli Stati Uniti la “cartolina” di auguri per le feste postata sui social da Thomas Massie, deputato repubblicano rappresentante del Kentucky ed esponente del movimento populista di destra Tea Party. L’uomo ha accompagnato il messaggio con una fotografia della sua famiglia riunita davanti all’albero di Natale di casa in cui ogni membro imbraccia un’arma da fuoco, tra fucili, mitragliatrici d’assalto e piccoli mitra.


Impossibile non collegare l’immagine alle recenti stragi che negli Stati Uniti vedono protagonisti sempre più spesso ragazzi giovanissimi, come la figlia di Massie a malapena adolescente seduta sul divano sorridente mentre tiene tra le mani un mitra. L’ultima in ordine di tempo è stata compiuta in una scuola in Michigan il 30 novembre ed è costata la vita a quattro studenti, colpiti dai proiettili di un’arma regalata al giovanissimo aggressore per Natale dai suoi genitori.

Le polemiche per gli auguri di Natale di Thomas Massie

L’indignazione è arrivata anche da alcuni repubblicani, come Adam Kinzinger, secondo cui ritrarsi in questo modo “non si tratta di un sostegno al diritto di detenere armi” ma di “feticismo”. L’attivista Fred Guttenberg, la cui figlia è rimasta uccisa nel 2018 nella sparatoria alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, ha risposto postando alcune foto a sua volta: “Una è l’ultima foto che ho scattato a Jaime – ha scritto – e l’altra mostra il luogo dove è sepolta”.


In difesa del deputato Massie si è schierata la commentatrice politica di area conservatrice Candace Owens: “Qualcuno può spiegarmi – si è chiesta su Twitter – come si può addossare la responsabilità della sparatoria in Michigan a Thomas Massie, solo perché ha condiviso una foto di lui e della sua famiglia mentre imbracciano armi legali?”.