Attualità

Terremoto, l'allarme a Fukushima

fukushima terremoto tsunami

Paura in Giappone per un potente terremoto con una magnitudo di 7.4 che ha colpito il nord-est del Paese poco prima delle 6 del mattino, lungo la costa di Fukushima, causando un’immediata allerta per il rischio di uno tsunami. Al momento, però, si segnalano solo alcuni feriti leggeri. L’Agenzia Meteorologica giapponese ha avvisato che onde alte fino a 3 metri potrebbero riversarsi vicino l’impianto di Fukushima dove i lavori per mettere in sicurezza la centrale vanno avanti a seguito della catastrofe che ha colpito la costa nel marzo del 2011, e le autorità municipali di Fukushima hanno avvisato i residenti di evacuare le zone costiere e dirigersi sulle aree lungo le colline, al sicuro da un eventuale onda.


Al momento non si sono verificate anomalie alla centrale nucleare di Fukushima Daichi, ma alcuni incendi si sono sviluppati in alcune raffinerie nella città di Iwaki, a 200 km a sud dell’impianto. La scossa, la cui magnitudo iniziale è stata stimata di magnitudo 7.4, è durata circa 20 secondi e l’epicentro si è verificato con una profondità di circa 10 chilometri lungo la costa dell’Oceano Pacifico, nelle vicinanze di Fukushima, con un’intensità pari a 5 nella scala giapponese con un massimo di 7 nelle prefetture di Fukushima e Ibaraki. Le autorità locali non segnalano danni ad edifici o vittime, ma solo alcuni feriti leggeri. Il servizio dello Shinkansen, il treno super veloce, è stato sospeso lungo le linee del Tohoku, Joetsu e Hokuriku. E la memoria corre subito al terribile terremoto che investì il Paese cinque anni fa, che provocò quasi diciottomila morti e devastò la centrale nucleare di Fukushima.

Terremoto, l’allarme a Fukushima

L’Agenzia meteorologica giapponese ha ridotto le probabilità che possa verificarsi uno tsunami in seguito alla forte scossa di terremoto avvenuta al largo delle coste nordorientali. Un avviso alla cautela è ancora valido per le zone costiere di Miyagi e Fukushima, così come per le prefetture di Iwate e Ibaraki. Ai residenti del litorale centro orientale è ancora consigliato di rimanere nelle zone collinari, mentre la autorità continuano a monitorare i movimenti delle correnti marine. Quello di oggi è il primo allarme tsunami dal dicembre 2012, con l’avviso alla popolazione di evacuare, dopo la catastrofe del marzo 2011. Il capo di Gabinetto Yoshihide Suga, nel corso di una conferenza, ha detto che non ci sono segnalazioni di danni a edifici, strutture e arterie stradali. Sei persone hanno riportato lievi ferite. Tutti i voli aerei da e per l’aeroporto di Sendai sono stati interrotti a causa dell’allarme tsunami.


terremoto allarme fukushima
Le autorità giapponesi hanno ordinato l’evacuazione dei residenti lungo le coste delle prefetture di Fukushima e Miyagi, mentre i primi effetti di uno tsunami si sono verificati con onde di 90 centimetri nel porto di Soma e di 60 nella località di Honohama. Durante la diretta del canale pubblico Nhk vengono ripetuti gli avvertimenti delle autorità alla popolazione di non abbandonare le aree sopraelevate fino a ulteriori segnalazioni: il rischio di uno tsunami di maggiori proporzioni, fino a 3 metri, potrebbe verificarsi colpendo l’area ripetutamente.