Attualità

Green pass obbligatorio anche per gli studenti universitari: cosa succede per scuola e trasporti

Superato l’ostacolo studenti, bisognerà trovare un sistema per consentire l’accesso ai luoghi pubblici anche a chi non si è potuto vaccinare

green pass obbligatorio giovani

L’annuncio del green pass ha scatenato diverse prese di posizione, polarizzando il dibattito. Nonostante alcune manifestazioni, in tantissimi sono corsi a vaccinarsi. Soprattutto tra i più giovani. Effettivamente i più piccoli non sono rientrati in nessuno scaglionamento e per porre dei limiti ad alcune aree, il governo dovrebbe in qualche modo garantirne l’accesso. Il nodo di queste ore è però sugli studenti e sulle strutture ad essi dedicate. L’idea di intervenire sui minorenni aveva da subito scatenato la strenua difesa di quella di popolazione più sensibile, incalzati anche dal senatore leghista Borghi.

Green pass obbligatorio anche per gli studenti universitari: cosa succede per scuola e trasporti. Certificato obbligatorio per personale Ata

Le ultime indiscrezioni che arrivano da Chigi dettano la linea: nelle scuole sarà imposto l’obbligo vaccinale al personale docente e ai collaboratori, ma non ai ragazzi. Sarà invece richiesto obbligatoriamente ai più grandi studenti delle università, per cui la campagna di vaccinazione è accessibile già da due mesi. Intanto in merito ai trasporti ha parlato Mariastella Gelmini durante il question time alla Camera “Per il Governo è prioritario assicurare la ripresa della didattica in presenza per tutti, a tal fine sarà prevista l’introduzione della certificazione verde per insegnanti e personale Ata mentre continua ad essere fortemente raccomandata la vaccinazione nella fascia di età 12-19 anni – continua Gelmini – obbligatorio per i trasporti a lunga percorrenza extra regionali mentre per il momento è escluso l’utilizzo sui trasporti urbani e i treni regionali”. Tra le ipotesi allo studio della cabina di regia di palazzo Chigi ci sarebbe il green pass obbligatorio per chi viaggia in aereo e per i treni a lunga percorrenza. La misura, raccontano, dovrebbe entrare in vigore il primo settembre.

Così come evidenziato in questa curva de Il Sole 24 Ore, il numero di ragazzi over 12 che hanno chiesto di poter essere vaccinati è salito a partire da giugno quando è stato consentito a tutti di vaccinarsi e poi ha vissuto una nuova impennato dopo le parole del Premier. Ora bisognerà che si permetta a tutti di effettuare tamponi gratuiti e che si immagini un modo per permettere ai ragazzi di accedere ai luoghi pubblici anche senza green pass, fosse solo perchè alcune regioni hanno rallentato le somministrazioni e quindi sono impossibilitate a garantire un sistema efficiente ai minorenni.