Attualità

Lo stipendio dei vigili a Roma

Qual è il problema sullo stipendio dei vigili a Roma? Come abbiamo spiegato ieri, i lavoratori della polizia municipale capitolina stanno protestando per la riforma dello stipendio imposta dal ministero del Tesoro, dopo che alcune irregolarità erano state riscontrate nel calcolo totale dell’emolumento. A partire dalla cancellazione di tutte le indennità extra corrisposte ai vigili per anni ma dichiarate illegittime dagli ispettori del Tesoro: dai 4 euro in più al giorno per fare servizio esterno all’euro aggiuntivo per tenere pulita la divisa, fino ai 6 euro quotidiani per il turno di “seminotte” che però iniziava alle 15,48 e terminava alle 23. Una serie di irregolarità (e disparità rispetto agli altri corpi) che sono state sanate con il nuovo contratto in vigore dal primo gennaio 2015, contro cui i pizzardoni hanno cominciato la lotta con lo sciopero bianco di Capodanno, e hanno in mente altre iniziative di questo tipo per il derby e la Befana. In questa infografica del Messaggero vediamo come è stato quindi ricalcolato lo stipendio dei vigili a Roma.

stipendio vigili roma
Lo stipendio dei vigili a Roma, prima e dopo la riforma (Il Messaggero, 4 gennaio 2015)

Come si vede, attualmente il totale compresi i compensi aggiuntivi è superiore a quello precedente. Ma tutti i compensi aggiuntivi sono associati al rendimento, secondo la formula: più si lavora più si guadagna. Spiega il Messaggero:

Ma quali sono i benefit a cui i vigili proprio non vogliono rinunciare? In tutto sono dodici le indennità contestate. Ce n’è unaper la «manutenzione delle uniformi» – acquistate dal Campidoglio tre anni fa al costo di oltre 3 milioni di euro, ma spesso neanche indossate dagli agenti, sostituite da fratini catarifrangenti sopra maglietta e jeans – ce n’è un’altra per il «servizio esterno» che viene erogata in automatico a chi dirige il traffico o va a fare le multe in strada, compiti non proprio «straordinari» per chi di mestiere fa il vigile urbano, ma che invece vengono remunerati come se fossero un servizio aggiuntivo. C’è poi l’indennità per i turni «semi-notturni», che in realtà iniziano alle 5 del pomeriggio. Ogni volta che i vigili lavorano di domenica scatta poi un extra di 30 euro, che sale a 40 per chi lavora di notte in un giorno qualsiasi.