Fatti

Stefano Esposito nuovo assessore ai Trasporti a Roma

matteo orfini stefano esposito

Sciolto in nottata il nodo legato all’assessorato ai Trasporti della nuova giunta Marino. Secondo quanto apprende l’agenzia di stampa ANSA da fonti del Pd, sarà il senatore dem, celebre per le sue posizioni contro i No Tav, Stefano Esposito a prendere il posto del dimissionario Guido Improta nella nuova squadra che sarà annunciata ufficialmente oggi. Esposito era ieri con Matteo Renzi insieme a Luca Lotti e Matteo Orfini alla Festa del Partito Democratico a Roma. Un tempo famoso per le sue polemiche virulente con i No Tav, Esposito era stato nominato commissario del Partito Democratico a Ostia, e aveva chiesto anche scusa ai militanti per la vicenda Tassone.
 
STEFANO ESPOSITO: NUOVO ASSESSORE AI TRASPORTI A ROMA
Il nome di Esposito è frutto della mediazione di Matteo Orfini, commissario del partito a Roma, tra le intenzioni bellicose di Renzi nei confronti di Marino e la conservazione della poltrona da parte del sindaco (oggi il Messaggero ha pubblicato una lettera di Renzi su Marino in cui il premier non chiede le dimissioni del primo cittadino, ma lo esorta e lo sprona a lavorare per la città). Oggi arriverà l’annuncio completo della nuova squadra dopo che la giunta è stata decimata da scandali e dimissioni. I nomi che circolano sono tanti: la costante Marco Causi come vicesindaco. Poi l’ex sottosegretario all’Istruzione Marco Rossi Doria che potrebbe prendere la stessa delega in città scalzando Paolo Masini. Nella tarda mattinata di oggi, o subito dopo l’audizione in Commissione Trasporti della Camera, prevista per le 14, il sindaco di Roma Ignazio Marino dovrebbe annunciare la sua terza nuova Giunta in poco più di un’anno e mezzo dale elezioni. Dopo giorni di tensioni tra Palazzo Chigi e il Campidoglio, ieri Renzi è apparso alla festa del Pd cittadino facendo sapere, tra una mano di biliardino e l’altra con il presidente del partito Matteo Orfini, che spetta a Marino andare avanti se ne avrà il coraggio e se riuscirà a fare cose concrete per risollevare la città. Solo a questa condizione avrà l’appoggio del governo. Un’altra mina alla tenuta dell’ulteriore esperimento del chirurgo dem la mette però la rottura con Sel: il rifiuto a rimpiazzare il dimissionario vicesindaco Luigi Nieri con l’ex presidente della Commissione parlamentare Antimafia Francesco Forgione ha surgelato i rapporti nel centrosinistra esponendo il sindaco al ‘fuoco amico’. Il nuovo coordinatore romano di Sel, Paolo Cento, accusa apertamente di attaccamento alle poltrone il ‘monocolore Pd’ che caratterizzerà la Giunta. Per la conferma o meno di questa e di tutte le altre speculazioni di queste ultime, concitate settimane, mancano solo poche ore.
 
COSA DICE ESPOSITO
“In realta’ sto ancora aspettando la telefonata del sindaco…”. Esordisce cosi’, al telefono con Affaritaliani.it, Stefano Esposito, vicepresidente della commissione Trasporti del Senato, indicato quale nuovo assessore ai Trasporti del Comune di Roma. “Non me l’aspettavo. Un torinese a Roma…non era proprio nelle cose. Comunque sono abituato a fare le cose difficili, per le cose facili i candidati sono gia’ tanti”, afferma Esposito. Ora si dimettera’ da senatore? “Assolutamente no”. Qual e’ la sua soluzione per l’Atac e per i trasporti pubblici a Roma? “Ho le mie opinioni, ma prima di parlare voglio almeno prendere possesso. Nei prossimi giorni ne parleremo. Di sicuro bisogna smettere di far pagare ai cittadini i problemi. Questa e’ l’unica cosa certa e che posso dire in questo momento”, conclude Esposito.
 
 

Leggi sull’argomento: La mafia a Ostia e le responsabilità del PD