Fatti

Silvio Berlusconi è in ospedale, l’ex Premier è ricoverato al San Raffaele

Berlusconi è sotto osservazione da ieri, si attendono novità sulle condizioni di salute. Continua a soffrire gli straschichi del Covid

ricovero san raffaele

L’ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è ricoverato in ospedale presso il San Raffaele di Milano, struttura che negli anni è diventata per lui di riferimento. Secondo fonti del partito il leader di Forza Italia è sotto osservazione fin dalla giornata di ieri.

Continuano gli strascichi lasciati dal Covid. L’ex premier è stato ricoverato dal 6 aprile al 1 maggio e ancora qualche settimana dopo. Secondo quanto riferito da fonti di partito a Il Corriere della Sera, il Cavaliere sarà sottoposto ad accertamenti di routine. Berlusconi sarebbe arrivato nella struttura in automobile, accompagnato dai suoi collaboratori.

Silvio Berlusconi è in ospedale, l’ex Premier è ricoverato al San Raffaele. Il processo all’orizzonte

Negli ultimi anni è accaduto spesso che il Cav. si sentisse male in prossimità di una chiamata a comparire davanti al giudice. Le ultime vicende di salute però sembrano essere indipendenti rispetto ai guai con la giustizia. A fine maggio era stato registrato l’apice della paura ad Arcore, quando i postumi del covid sembravano non lasciare più l’ex presidente.

I social hanno accolto la notizia con la solita ironia, legata al processo RubyTer che si dovrà sostenere tra 10 giorni. Se è vero come è vero che in tante occasioni le degenze presso l’ospedale privato siano parse quantomeno puntuali, è pur vero che da tempo il leader di Forza Italia sembra accusare un po’ gli aacciacchi dell’età.

Testimonianza fotografica è il volto del cavaliere nell’immagine postata sul profilo social di Gianluigi Donnarumma all’indomani della vittoria degli europei. Era apparso felice in quel momento, come tutta Italia, ma molto affaticato. Un passo indietro che si è visto anche nella gestione del suo partito, sempre più guidato da Licia Ronzulli, fedele braccio destro di Berlusconi, e dai suoi ministri Brunetta e Gelmini. Meno vicina la titolare del Dicastero del Mezzogiorno, Mara Carfagna.