Attualità

Lo sgombero del Cinema America Occupato

Il Cinema America Occupato, che si trovava a Trastevere in via Natale del Grande, è stato sgomberato stamattina dalla Polizia. Scrivono le agenzie di stampa che all’arrivo delle forze dell’ordine nello stabile di via Natale del Grande, nel quartiere Trastevere, all’interno c’erano poche persone. L’ex Cinema America, come il Teatro Valle, era luogo di un’occupazione storica nella Capitale. Recentemente il ministro dei Beni Culturali aveva richiesto il vincolo di interesse storico-artistico, ma negli ultimi giorni la proprietà ha chiesto lo sgombero. I responsabili avevano segnalato lo sgombero in atto sulla pagina Facebook del Cinema:
cinema america occupato sgomberoI
 
IL CINEMA AMERICA OCCUPATO
La struttura, che si trova dalle parti di piazza San Cosimato, è stata occupata nel 2012. Aveva una programmazione annuale fatta di proiezioni cinematografiche, partite della Roma, eventi culturali e dibattiti ai quali hanno preso parte negli anni numerosi personaggi noti del mondo del cinema e dello spettacolo. Negli anni ’50 l’America era un teatro, poi divenne un cinema. Quando chiuse i battenti la proprietà, dopo anni, decise di costruire 20 mini appartamenti. Ad aprile, con una lettera inviata al Campidoglio, alla Regione e alla Soprintendenza, il ministero aveva espresso parere positivo sulla richiesta di un vincolo storico-artistico sulla sala di Trastevere, di proprietà della Società Progetto Uno srl. Concetto ribadito dallo stesso ministro Dario Franceschini proprio a fine luglio, dopo una visita al cinema nella quale aveva spiegato ai ragazzi che “è stata attivata la procedura per il vincolo sulla destinazione d’uso e sui mosaici” che di fatto avrebbe dovuto impedire la demolizione e la trasformazione della sala. Ma nel frattempo è arrivata lo sgombero. Sulla pagina Facebook del cinema molti sono i commenti:


LA CONFERENZA STAMPA 
I responsabili hanno convocato una conferenza stampa per oggi alle 18:

Conferenza Stampa ore 18.00 Piazza San Cosimato.
Invitiamo tutta la cittadinanza ed il mondo cinematografico a partecipare, esporremmo quanto successo oggi e la nostra proposta per il futuro di questo cinema vincolato dai beni culturali.
Parteciperanno alla conferenza Elio Germano, Francesco Bruni e Daniele Vicari.
Toni Servillo, ora a Napoli, fa presente la sua vicinanza all’esperienza di gestione di noi ragazzi, auspicando una forma di gestione futura partecipata del cinema tra territorio, noi e mondo cinematografico.