Fatti

Pietro Senaldi chiama Speranza “allegro becchino” dopo le minacce di morte ricevute

Libero ha pubblicato un editoriale firmato da Pietro Senaldi in cui il ministro della Salute Roberto Speranza è stato definito “allegro becchino”, ma anche “carceriere” e “uccellaccio del malaugurio”. Pochi giorni fa quattro persone sono state indagate per aver minacciato il ministro e la sua famiglia di morte

senaldi allegro becchino speranza libero

Ieri Libero ha pubblicato un editoriale firmato da Pietro Senaldi in cui il ministro della Salute Roberto Speranza è stato definito “allegro becchino”, ma anche “carceriere” e “uccellaccio del malaugurio”. Pochi giorni fa quattro persone sono state indagate per aver minacciato il ministro e la sua famiglia di morte.

Pietro Senaldi chiama Speranza “allegro becchino” dopo le minacce di morte ricevute

Senaldi, direttore di Libero, scrive:

L’allegro becchino. Il ministro della Salute ha annunciato, felice come una Pasqua, che non sa quando l’Italia potrà riaprire. Con un pelo di sadismo, dalle colonne del Corriere della Sera, Speranza ha tenuto a far sapere ai cittadini reclusi e agli imprenditori rovinati dalle serrate che lui prende le sue decisioni «con animo sereno». Imporre sacrifici agli altri non toglie il sonno al carceriere, che rimprovera a Salvini di «soffiare sulle inquietudini di chi soffre», espressione che, quando non erano al governo, i comunisti come il leader di Liberi e Uguali traducevano con «dare voce agli oppressi»

E alla fine dell’editoriale Senaldi si chiede come mai Draghi non lo abbia sostituito, definendo “ossimoro” il cognome del ministro che etichetta invece come uccello del malaugurio. L’articolo è stato biasimato sui social: