Fatti

Se Berlusconi si offre a Renzi come mediatore

Silvio Berlusconi si offre a Matteo Renzi come mediatore in politica estera. Questo il senso delle mosse dell’ex Cavaliere, che tra ieri e l’altroieri ha fatto filtrare la notizia delle telefonate intercorse tra lui e il premier  e tra lui e Putin. L’ex presidente del Consiglio, secondo il Corriere della Sera, ha scoperto le carte in serata:

Per questo, sorprende poco che ieri da Forza Italia sia filtrata— a mo’ di annuncio — la notizia che il Cavaliere negli ultimi giorni ha avuto due telefonate importanti: la prima con Matteo Renzi, la seconda ieri con la neonominata Lady Pesc e attualeministro degli Esteri Federica Mogherini. Con lei, raccontano,Berlusconi oltre a congratularsi ha fatto il punto della situazione.Con il premier, oltre al giro d’orizzonte, il leader azzurro ha parlato dei suoi colloqui con Putin,offrendosi come mediatore «visti i miei rapporti non solo con lui, ma con molti altri protagonisti di queste vicende: non dobbiamo tornare alla guerra fredda, sei fortunato tu che sei giovane e non hai vissuto quel periodo…».

A quanto pare, però, Renzi sarebbe rimasto freddino:

Da Palazzo Chigi non smentisco non é confermano le ricostruzioni,compresa quella di un appuntamento che i due si sono dati per rivedersi nelle prossime settimane in vista del nuovo round di riforme (prima fra tutte quella della legge elettorale) che scandiranno i lavori parlamentari dell’autunno. Ma il fattoche da FI si siano voluti renderepubblici i due colloqui ladice lunga su quanto a Berlusconiinteressi mantenere, e noncerto segretamente, un buonrapporto con Renzi che serveanche a rilanciare il suo ruolopersonale e a rimettere al centrodella scena la sua figura «di statista,che in un momento cosìdelicato può essere utile al Paesee all’Europa».