Attualità

Scuola, iscrizioni al via oggi e fino al 31 gennaio

iscrizioni scuola 31 gennaio 1

Da giovedì 27 dicembre i genitori che devono iscrivere, per la prima volta, i figli a scuola possono iniziare la registrazione sul portale www.iscrizioni.istruzione.it. In questo modo otterranno le credenziali di accesso al servizio (un adempimento che non è necessario per chi già possiede un’identità digitale, Spid). Il Sole 24 Ore spiega oggi in un’infografica che dalle 8 di oggi prende il via invece la procedura di iscrizione vera e propria. Che interesserà circa 1,5 milioni di studenti delle prime classi di elementari, medie e superiori e si concluderà alle ore 20 del 31 gennaio.

Scuola, iscrizioni al via oggi fino al 31 gennaio

Una volta individuato l’istituto di destinazione, utilizzando ad esempio le informazioni di “Scuola in Chiaro” del Miur, il genitore deve indicarlo nella domanda. In subordine può indicare anche una seconda o terza scuola cui indirizzare la domanda nel caso in cui la prima non abbia posto. La procedura può essere salvata e ripresa in un secondo momento fino all’invio definitivo. Per la scuola primaria va indicato anche il tempo scuola (24, 27, 30 o 40 ore) e per le medie l’eventuale tempo prolungato (30, 36 o 40).

iscrizioni scuola 31 gennaio
Le iscrizioni a scuola da oggi fino al 31 gennaio (Il Sole 24 Ore, 7 gennaio 2019)

La procedura online non vale per la scuola dell’infanzia e le scuole della Valle d’Aosta e delle province di Trento e Bolzano. Dove si continua a utilizzare la modalità cartacea. L’iscrizione viene effettuata in forma cartacea anche per gli studenti in fase di preadozione, per i quali la famiglia preaffidataria farà riferimento direttamente alle segreterie della scuola di destinazione. Per gli alunni con disabilità la domanda va perfezionata presentando la documentazione cartacea per la richiesta del sostegno. Queste le regole per l’iscrizione ai vari tipi di scuola:

Scuola dell’infanzia – La domanda resta cartacea e va presentata alla scuola prescelta. Possono essere iscritti alle scuole dell’infanzia i bambini che compiono il terzo anno di età entro il 31 dicembre 2019 (che hanno la precedenza) e i bimbi che compiono il terzo anno di età entro il 30 aprile 2020. Non è consentita, anche in presenza di disponibilità di posti, l’iscrizione di bambini che compiono i tre anni dopo il 30 aprile 2020. I genitori possono scegliere tra tempo normale (40 ore settimanali), ridotto (25 ore) o esteso fino a 50 ore.

Scuole Elementari – Alla prima classe della primaria possono essere iscritti (on line) i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre 2019 e anche oltre, e comunque entro il 30 aprile 2020.Al momento della compilazione della domanda i genitori possono optare per diverse articolazioni dell’orario settimanale che può essere di 24, 27, fino a 30 ore oppure 40 ore (tempo pieno). E possono indicare, in subordine rispetto alla scuola che costituisce la loro prima scelta, fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento.

Scuole medie – Anche in questo caso, i genitori possono esprimere le proprie opzioni rispetto all’orario scolastico settimanale, che può essere di 30 oppure 36 ore, elevabili fino a 40 (tempo prolungato) ma solo «in presenza di servizi e strutture idonee». Si possono indicare, poi, fino a un massimo di altre due scuole dopo quella indicata come prima scelta. Per l’iscrizione alle prime classi a indirizzo musicale, i genitori devono barrare la casella del modulo di domanda di iscrizione on line. Saranno le scuole a organizzare la prova orientativo-attitudinale in tempi utili per consentire alle famiglie, nel caso di carenza di posti disponibili, di presentare una nuova domanda di iscrizione, eventualmente anche a un’altra scuola.

Scuole superiori – Nella domanda i genitori esprimono anche la scelta dell’indirizzo di studio, indicando anche l’eventuale opzione rispetto ai diversi indirizzi attivati dalla scuola. Anche qui si possono segnalare fino a due scuole come “seconda scelta”. L’iscrizione alle prime classi dei licei musicali e coreutici è subordinata al superamento di una prova di verifica del possesso di specifiche competenze. Prova che, come per gli indirizzi musicali delle medie, sarà organizzata in tempi utili per consentire ai genitori la presentazione di una nuova domanda nel caso di insuccesso della prova o carenza di posti.

Leggi sull’argomento: Scuole aperte domani a Roma