Cultura e scienze

Sanremo e i conflitti d’interesse di Claudio Baglioni

baglioni conflitto d'interessi sanremo 1

Sanremo, in diretta su Rai 1 dal 5 al 9 febbraio, taglia il traguardo della 69esima edizione con Claudio Baglioni nelle vesti di direttore artistico e anche in questa occasione non potevano mancare le polemiche. Dopo quella con Salvini sui naufraghi di SeaWorld e SeaEye, è stavolta il MoVimento 5 Stelle con il vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai Primo di Nicola a dar fuoco alle polveri.

Sanremo e i conflitti d’interesse di Claudio Baglioni

«Mi aspetto un cambiamento importante – scrive Primo Di Nicola su Facebook – Perché non sia il solito inno al nazionalpopolare. Condito dalle usuali polemiche e dai soliti conflitti di interesse. Quello descritto stamattina dal Sole 24 ore porta il nome di Claudio Baglioni. Se è vero, non mi piace. E sono sicuro che il nuovo management saprà porvi rimedio. All’insegna del servizio pubblico trasparente che vogliamo e che i cittadini-utenti si aspettano da troppo tempo». A cosa si riferisce il senatore? A un articolo firmato da Biondi e Prisco in cui si parla del suo presunto “cerchio magico” e sui suoi conflitti d’interesse di direttore artistico, cantautore sotto contratto con Sony Music Italy per quanto riguarda l’attività discografica e performer della scuderia di F&P Group, agenzia di promoting guidata dal suo manager Ferdinando Salzano e controllata dalla multinazionale tedesca Cts Eventim, per l’attività live.

Baglioni ha l’ultima parola sulla scelta del cast, quest’anno rivoluzionato dalla nuova formula che prevede un concorso unico per 24 artisti. E qual è la casa discografica meglio rappresentata? Proprio Sony Music con 7 artisti in gara (Achille Lauro, Simone Cristicchi, Einar, Il Volo, Enrico Nigiotti, Francesco Renga e Daniele Silvestri). Seguono le altre due major Warner (5) e Universal (4).

baglioni conflitto d'interessi sanremo

Otto in tutto i concorrenti espressione di etichette indipendenti e qui primeggia Sugar con tre cantanti in gara. Otto invece i concorrenti i cui concerti sono organizzati da agenzie di promoting del gruppo Cts Eventim: Achille Lauro, Ex-Otago, Il Volo, Irama, Nek, Francesco Renga e Paola Turci, oltre a Ultimo che, secondo i pronostici della vigilia, è molto probabile che arrivi primo. A questi si possono sommare ospiti già annunciati come Elisa e Giorgia, ma anche ospiti molto probabili come Ligabue, Biagio Antonacci e Laura Pausini, questi ultimi tre direttamente gestiti dalla F&P Group di Salzano.

Leggi sull’argomento: Il pasticciaccio brutto del governo sui farmaci orfani che mette nei guai i malati rari