Fatti

Il cane legato a un palo e dato alle fiamme nel Napoletano, salvo per miracolo

neXt quotidiano|

cane legato palo giugliano napoli francesco emilio borrelli consigliere

Un cane randagio di media taglia è stato legato a un palo e dato alle fiamme a Giugliano in Campania, nel Napoletano, da alcuni criminali. Un gesto violentissimo che sarebbe costato la vita al povero animale, se non fosse stato per il passaggio fortuito di alcune persone che – dopo aver assistito alla scena – hanno immediatamente dato l’allarme. Alcuni volontari sono intervenuti prontamente per salvare il cane, che è sopravvissuto nonostante le importanti ferite riportate. A diffondere la notizia, e il video dell’animale soccorso, è stato il consigliere di Europa verde della regione Campania Francesco Emilio Borrelli, che usa spesso i suoi profili social come megafono per dare voce alle denunce di atti di criminalità che avvengono nel Napoletano. Borrelli ha definito il tutto un “gravissimo atto di brutalità”

Attualmente il cane è ricoverato in gravi condizioni in una clinica veterinaria della zona. “Innanzitutto – prosegue Borrelli – seguiremo la vicenda di questo cucciolo, offrendo il nostro supporto ai volontari e ai veterinari che si stanno occupando di lui, augurandoci che possa salvarsi e rimettersi presto. Chi ha compiuto questo barbaro e spietato gesto non solo sarà una persona orribile, a livello umano, ma di certo è da reputarsi un individuo pericoloso per cui chiediamo alle Autorità di individuarlo, denunciarlo e di condannarlo alla giusta pena”.