Attualità

Rt nazionale a 0,78: tutta l’Italia in zona gialla

L’ Rt nazionale scende ancora, a 0.78. La scorsa settimana era 0.86. Significa che tutta l’Italia è in zona gialla

rt nazionale oggi rt regioni 16 aprile 2021

In Italia l’indice Rt scende ancora, a 0.78. La scorsa settimana era 0.86. E, come anticipa il ministro della Salute Speranza, significa che tutta l’Italia è in zona gialla.

Rt nazionale a 0,78: tutta l’Italia in zona gialla

“Con il monitoraggio” Covid-19 “e le conseguenti ordinanze di oggi l’Italia sarà tutta in area gialla. È il risultato delle misure adottate finora, del comportamento corretto della stragrande maggioranza delle persone e della campagna di vaccinazione. Continuiamo su questa strada con fiducia, prudenza e gradualità”, scrive Speranza su Facebook e la  iunione della Cabina di regia Istituto superiore di sanità-ministero della Salute su Covid-19, ancora in corso, conferma. Tutte le Regioni e Province autonome infatti “hanno un Rt medio inferiore a 1, e quindi una trasmissibilità compatibile con uno scenario di tipo 1”. Sono dunque “classificate a rischio basso”, come evidenzia la bozza del report Iss-ministero della Salute sul monitoraggio dei dati Covid relativi alla settimana dal 10 al 16 maggio. “Questa settimana accelera ancora il calo dell’incidenza”, pari a “73 per 100mila abitanti (10-16 maggio) vs 103 per 100mila (3-9 maggio), dati del flusso dell’Iss”. Il dato di incidenza dal flusso ministero Salute è pari a 66/100mila, rispetto a 96/100mila della scorsa settimana. “Questa settimana nessuna Regione o Provincia autonoma supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica”. Non solo: “Il tasso di occupazione in terapia intensiva è sotto la soglia critica (19%), con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 2.056 (11 maggio) a 1.689 (18 maggio). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente (19%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 14.937 (11 maggio) a 11.539 (18 maggio)”, evidenzia il documento.