Fatti

Il video della rapina in farmacia a Torino in cui è stato accoltellato un carabiniere

Le immagini della rapina nella farmacia di Corso Vercelli a Torino, nel corso della quale un carabiniere fuori servizio è stato accoltellato. Si sono costituiti i due responsabili: sono due ragazzi di 16 e 18 anni

rapina farmacia torino carabiniere

Gli attimi concitati avvenuti lunedì sera nella farmacia comunale di Corso Vercelli a Torino, in cui un carabiniere non in servizio è stato accoltellato durante una rapina, sono stati ripresi dalle telecamere di sorveglianza dell’attività. Da subito il girato è stato acquisito dagli inquirenti per risalire agli autori del gesto, che si sono costituiti questa mattina dopo essere fuggiti ieri a bordo di uno scooter nero. Si tratta di due ragazzi italiani, di 16 e 18 anni: il più giovane si è presentato ieri notte spontaneamente al commissariato di Madonna di Campagna, mentre l’altro questa mattina.

Alle 19 di ieri nel tentativo di rapinare la farmacia il 16enne aveva accoltellato Maurizio Sabbatino, carabiniere 53enne intervenuto per cercare di sventare il colpo. Le condizioni del militare migliorano: è stato operato nella notte all’ospedale San Giovanni Bosco, dov’è stato trasportato per le lesioni riportate al fegato e ai polmoni. L’intervento è riuscito ed è stato trasferito in rianimazione e dichiarato fuori pericolo.

I suoi colleghi avevano allestito posti di blocco in tutta la provincia nelle ore successive al colpo, e raccolto le testimonianze di tutti quelli coinvolti nella rapina, analizzato i filmati delle telecamere di videosorveglianza del negozio e della zona per individuare i responsabili. I quali, sentitisi braccati, hanno deciso di consegnarsi.

La ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha espresso la sua “vicinanza al Brigadiere dell’Arma dei Carabinieri rimasto gravemente ferito a Torino nel corso di un intervento, fuori servizio, per sventare una rapina ad una farmacia”, e ha sottolineato come il gesto compiuto dal militare dell’Arma sia l’ennesima testimonianza “dell’altruismo e della generosità delle donne e degli uomini delle forze di polizia sempre disposti a mettere a rischio la loro incolumità per garantire la sicurezza dei cittadini”.