Fatti

Quelli che consigliano a Tsipras di uscire dall'euro e tornare alla dracma

Dopo il discorso di Alexis Tsipras al Parlamento Europeo gli applausi e il consenso sono arrivati, oltre che dai banchi dei compagni di partito Syriza e della sinistra europea Gue, anche da quelli degli euroscettici, in particolare dall’Ukip di Nigel Farage e dala destra di Marine Le Pen. Tsipras ha accettato di partecipare al dibattito dell’Europarlamento proprio il giorno dopo che l’Europa ha fissato la scadenza di domenica come ultima possibilità di trovare un accordo per i nuovi aiuti finanziari. Subito dopo alcuni di loro hanno preso la parola.
 
QUELLI CHE CONSIGLIANO A TSIPRAS DI USCIRE DALL’EURO E TORNARE ALLA DRACMA
A parlare per primo è stato Nigel Farage:  “Il continente europeo è diviso tra nord e sud: c’è un nuovo muro di Berlino che si chiama euro. In questi anni di austerità, niente ha funzionato: sarebbe assurdo continuare su questa rotta”, ha detto l’esponente del partito euroscettico inglese Ukip.  “Lei è stato coraggioso a indire il referendum”, ora dopo il ‘no’ “porti il suo popolo fuori dall’euro a testa alta”, ha continuato “Non vi daranno di più se no anche altri Paesi Ue lo chiederanno”, ha aggiunto, “la Grecia non avrebbe mai dovuto entrare nell’euro ma le grandi banche vi hanno costretto”. E infine:  “Ci sono differenze culturali incolmabili, il progetto europeo sta morendo. Mitterand e gli altri padri dell’Europa hanno creduto che un giorno saremmo stati un popolo solo, ma non è così”. “L’euro e l’austerità sono dei fratelli siamesi. Il vostro popolo non sfuggirà all’austerità senza uscire dall’euro”, ha detto la leader del Front National Marine Le Pen nel suo intervento all’Europarlamento rivolgendosi al premier greco Alexis Tsipras. “La Grecia deve organizzare l’uscita dalla mascella di ferro dell’euro. Spero sinceramente che la Grecia possa ricreare nella calma la sua moneta e ridare così ossigeno alla sua economia”.
 
SALVINI E IL RE NUDO
“Ringrazio Tsipras ed il popolo greco e i cittadini che hanno scelto con coraggio di uscire da questa gabbia” dove c’è gente “a cui fa schifo la democrazia” e “parla male del referendum” perché quando il “popolo sceglie, boccia queste scelte idiote”, ha detto invece il leader della Lega nord Matteo Salvini nel suo intervento all’Europarlamento. Tuttavia dice Salvini, “gli rimprovero di non andare fino infondo” ma ha il merito di aver mostrato “che il re è nudo”. L’andare fino in fondo evocato da Salvini si riferisce alla mancata uscita dall’euro di Atene, che Tsipras non ha mai chiesto a differenza del progetto politico di Salvini e della Le Pen.