Cultura e scienze

Quanto costa Fabio Fazio

fabio fazio contratto rai

Il Fatto Quotidiano, in un articolo firmato da Valeria Pacelli, oggi riesce a rivelare –sulla base dei documenti interni all’azienda di Stato – i dettagli delle spese del programma Che tempo che fa, compreso l’incasso di Officina Srl, società proprietaria del format che ne realizza la produzione (le quote sono detenute al 50 per cento da Fabio Fazio stesso, il restante da Magnolia). Finora era noto il compenso del conduttore: quei 2.240.000 milioni di euro all’anno (al lordo delle imposte) stabiliti dal contratto numero 19.630 stipulato il 28 luglio 2017: il compenso “per l’opera artistica e professionale” riguarda 64 puntate per il ruolo di “conduttore, autore testi/consulente artistico-autorale, direttore artistico”, per quattro anni, fino al 2021.

quanto costa fabio fazio
Il contratto di Fabio Fazio (Il Fatto Quotidiano, 17 maggio 2018)

Ma poi ci sono i costi di produzione:

I 18.325.350 euro di costi annui sono così suddivisi: 10.644.400 per il solo primo anno del quadriennio, di cui 704.000 annui per i diritti del format, il resto sono quindi i costi di produzione. Denaro che finisce nelle casse di Officina Srl. Poi, per la Rai, ci sono i costi di rete: scenografia, regia, redazione, acquisto diritti di filmati e foto, quantificati in 2,8 milioni di euro.

A ciò si aggiungono altri 2,6 milioni per costumi, trucco, riprese, servizi in esterna e così via. Per ogni puntata in prima serata, quindi, la Tv di Stato spende 409 mila euro. Un costo rilevante per un programma fatto di interviste ma, ripetono da viale Mazzini, comunque inferiore agli 800.000 di media a serata per “gli intrattenimenti tipici”tra smes si dalla rete in quella fascia oraria (come ad esempio le fiction) che salgono a 1,1 milioni per “i top di gamma”.

Leggi sull’argomento: Il lancio di Michele Emiliano nello spazio