Attualità

Quando Giorgia Meloni diceva che Mussolini era un buon politico | VIDEO

@neXt quotidiano|

Giorgia Meloni

In queste ore sui social in molti stanno condividendo e commentando, spesso in maniera ironica, il video in cui una giovane Giorgia Meloni dice che secondo lei Mussolini era un buon politico e che «tutto quello che ha fatto, l’ha fatto per l’Italia».

Il video in cui Giorgia Meloni pronuncia queste parole è stato estrapolato da un ritratto di Loopsider, che in occasione delle elezioni politiche italiane ha creato un video in cui presenta la carriera politica di Meloni a partire dai primi anni di militanza. Loopsider ha definito la leader di FdI «contraria ai matrimoni gay, ai migranti e nazionalista». Il video si apre con le parole pronunciate dalla leader stessa e diventate poi virali: «Io sono Giorgia, sono una donna, sono una madre, sono italiana, sono cristiana». Con un passo indietro, si torna al momento in cui Giorgia Meloni ha iniziato a fare politica, all’età di 15 anni, quando aderì al Fronte della Gioventù, l’organizzazione giovanile del partito Movimento Sociale Italiano.

Anti-mariage gay, anti-migrant, nationaliste, qui est Giorgia Meloni, la femme politique favorite pour devenir la prochaine Première ministre italienne en septembre prochain ? pic.twitter.com/n8eQQR47Oe

— Loopsider (@Loopsidernews) August 14, 2022

Dopodiché, Loopsider inserisce una parte di un’intervista in francese rilasciata da Giorgia Meloni nel 1996. In questa intervista la leader di FdI espone le proprie idee di allora riguardanti l’operato di Mussolini.

Il 21 aprile di quell’anno, in Italia si tennero le elezioni politiche. Le due principali coalizioni erano il Polo per le Libertà, comprendente Forza Italia, Alleanza Nazionale e Centro Cristiano Democratico e L’Ulivo, composto dal Partito Democratico della Sinistra e altri partiti. In quel periodo Giorgia Meloni era responsabile nazionale di Azione Studentesca, il movimento studentesco di Alleanza Nazionale. Il video in questione è di proprietà dell’Institut national de l’audiovisuel (INA) ed è tratto da uno speciale di approfondimento del programma Soir 3 in onda su France 3.