Cultura e scienze

Plasmaterapia, idrossiclorochina, Remdesivir: quali cure per il Coronavirus

Le cure oggi considerate valide sono pochissime e alcune hanno comunque delle controindicazioni: al momento non esistono terapie supportate da evidenze scientifiche schiaccianti in base alle quali poter affermare di avere in mano la cura

47d11 cura coronavirus

Il Corriere della Sera oggi riepiloga lo stato dell’arte dal punto di vista terapeutico  per il Coronavirus SARS-COV-2 e per COVID-19. Le cure oggi considerate valide sono pochissime e alcune hanno comunque delle controindicazioni: al momento non esistono terapie supportate da evidenze scientifiche schiaccianti in base alle quali poter affermare di avere in mano la cura. A livello internazionale sono stati pubblicati studi preliminari, mancano i lavori conclusivi. Il ritardo delle risposte dipende dal rallentamento dell’epidemia. In alcuni Paesi (Cina, Taiwan, Italia) i casi di infezione si sono drasticamente ridotti e ci sono difficoltà a reclutare pazienti. Alle domande risponde Francesco Menichetti, infettivologo dell’Università di Pisa

Quali sono i farmaci più promettenti?
L’unico ad aver avuto l’approvazione come anti-Covid è il Remdesivir, antivirale pensato per Ebola. L’agenzia americana Fda gli ha dato via libera con procedura speciale a maggio, l’europea Ema si appresta a farlo, presto anche Aifa sarà chiamata a valutarlo. Negli studi preliminari avrebbe mostrato efficacia e sicurezza nelle fasi di malattia precoce, capace di contrastare la replicazione del virus SarsCoV-2. In Italia viene dato a tutti pazienti ed è in sperimentazione associato ad altre terapie.

coronavirus casi italia
I numeri del Coronavirus del 4 giugno (Corriere della Sera, 5 giugno 2020)

E la plasmaterapia?
Si tratta di trasfondere il plasma donato da persone guarite dal Covid nei nuovi ammalati. Lo studio Tsunami italiano prevede la partecipazione di 60 centri, coordinati da Francesco Menichetti (Pisa) e Cesare Perotti (Pavia). Ma non parte per mancanza dei circa 470 pazienti da reclutare. I primi dati (ultimo rapporto pubblicato su Jama da ricercatori cinesi, 100 casi) sembrerebbero confermare una certa efficacia su malati meno gravi come è stato visto a Pavia e Mantova su 46 casi.

Cosa si sa dell’idrossiclorochina?
idrossiclorochinaè stato sospeso per uso clinico anche in Italia. Un articolo comparso su Lancet sosteneva aumentasse il rischio di morte, ma ieri tre dei quattro autori hanno ritirato la loro partecipazione: «Non possiamo garantire la veridicità delle fonti».

Leggi anche: Ibuprofene e Coronavirus: la ricerca che lo testa come cura