Fatti

"Putin fermati e ridammi mio figlio": la madre di un soldato russo protesta e scappa dalla polizia | VIDEO

@neXt quotidiano|

madre soldato protesta russai guerra mosca putin

Sfidando la censura imposta da Vladimir Putin, la madre di un soldato russo è scesa in piazza a Mosca per dire “no” alla guerra e si è coraggiosamente fermata a parlare con i giornalisti di Abc News, una delle poche testate rimaste all’ombra del Cremlino dopo la legge bavaglio che vieta ai media di riportare “fake news” sulla guerra in Ucraina, tra le quali rientra anche semplicemente chiamare il conflitto con il suo nome, “guerra”, e non con la perifrasi usata dal presidente russo “operazione militare speciale”. La donna appare molto preoccupata, guarda in telecamera e dichiara che suo figlio è stato spostato in un “hot spot” dopo le esercitazioni.

“Putin fermati e ridammi mio figlio”: la madre di un soldato russo protesta e scappa dalla polizia | VIDEO

“Non gli parlo da dieci giorni, grazie a dio lui è ancora vivo, ma nel suo reggimento sono rimasti soltanto in dieci”. “Fermate questa carneficina, ridatemi mio figlio. Ridate i figli alle loro madri, basta”, è il suo appello. Il giornalista afferma di trovarsi nel centro di Mosca, che sempre più persone stanno scendendo in strada per protestare. La polizia li guarda a vista, la donna è preoccupata perché potrebbe essere arrestata. Mostra una foto di suo figlio: “Guardatelo, è solo un ragazzo, ha 22 anni. E sta combattendo, ma per cosa?”. A quel punto alcuni agenti si avvicinano a lei, che rapidamente si confonde nel corteo di persone alle sue spalle e scappa via per non essere arrestata. “È andata via, la polizia si è accostata a noi appena ci ha visti parlare, è terribile”, conclude il giornalista.