Attualità

Il professore picchiato per aver punito uno studente a Palermo

istituto caponnetto palermo

Un professore è stato picchiato a sangue perché ha punito uno studente durante la sua ora di lezione. E’ accaduto a Palermo. Il docente, di 49 anni, che insegna Scienza e Matematica all’istituto comprensivo Antonino Caponnetto di Tommaso Natale, secondo quanto riporta l’edizione locale del quotidiano La Repubblica, è stato preso a calci e pugni davanti alla scuola dai genitori di un suo alunno e da un’altra coppia. La sua colpa: aver buttato fuori dall’aula lo studente e il suo compagno di banco perché chiacchieravano durante la lezione. Una storia di giustizia fai-da-te sulla quale sta indagando la polizia. Il docente ha denunciato i suoi aggressori, mentre era a terra, indifeso, avrebbe riconosciuto i genitori del suo allievo ma non conosceva gli altri due poi identificati dalla polizia.

Il professore è stato lasciato a terra, davanti alla scuola, quasi privo di sensi. «Sono stato accompagnato subito in ospedale e ho preso la decisione di denunciare perché avevo riconosciuto tra gli aggressori i genitori del mio allievo e non deve passare il concetto che si possa essere così violenti senza pagarne le conseguenze. In cinque anni di insegnamento alla Caponnetto una cosa del genere non mi era mai capitata», ha ricostruito l’insegnante. Mercoledì scorso nell’aula di prima media il professore aveva dovuto imporre la sua autorità. «Due miei allievi invece di seguire la lezione chiacchieravano tra loro. Prima — ha riferito anche alla polizia — ho deciso di farli spostare al primo banco, poi, visto che non accennavano a smettere, li ho messi alla porta».

Il professore, 49 anni, ha sempre utilizzato metodi alternativi per catturare l’attenzione di studenti dal profitto meno brillante.

«Anche quel giorno a fine lezione — ha raccontato al sottosegretario Faraone — ho distribuito le caramelle ai miei allievi. E ovviamente anche ai due che avevo mandato fuori». Uno dei due ragazzini, però, quello vendicato poi dai genitori, ha fatto un gestaccio al prof e ha rifiutato le caramelle. «Gli ho detto che non me lo aspettavo da lui, è sempre stato educato. Pensavo fosse finita lì», ha detto il docente. Invece, due mattine dopo, all’entrata dell’istituto, l’insegnante è stato chiamato ad alta voce da un uomo mentre posteggiava la moto dentro il parcheggio della scuola. «Mi sono voltato ed è arrivato anche il papà del mio alunno e subito dopo la madre e un’altra donna. Hanno cominciato a picchiarmi. Ho ancora la testa molto dolente, forse hanno utilizzato alcuni oggetti per ferirmi. Ma ero spaventato, non ne sono sicuro». Sotto shock anche i colleghi del professore. «Siamo molto turbati. Non sospettavamo — ammette la dirigente scolastica Graziella La Russa — che dietro al nostro alunno ci fosse una famiglia così violenta». Stamattina il sottosegretario Faraone farà visita all’istituto. «Quello che è accaduto — dice — è molto preoccupante. Bene hanno fatto docente e dirigente a sporgere denuncia».