Fatti

La madre bresciana trovata nuda con la figlia di 8 anni in auto a Pisa in stato confusionale

A Pisa una donna è stata trovata in auto in stato confusionale insieme a sua figlia di otto anni: sono originarie di Brescia, erano entrambe senza vestiti

Violentata in ambulanza

Alle 2 di notte nel giorno di Pasqua due persone – madre e figlia – sono state trovate nude, spaventate, nella loro auto in una zona isolata di Pisa. “Mai fatto un intervento simile”, hanno raccontato i sanitari intervenuti per aiutarle. Entrambe abitano a Brescia, sono ora ricoverate in ospedale per accertamenti. A riportare la notizia è il quotidiano La Nazione, che spiega come l’allarme sia stato dato dal vigilante che si occupa della sicurezza dell’area della Darsena pisana, dove sorgono attività commerciali e i cantieri navali. L’uomo ha notato la vettura intorno alle 2 e ha chiamato il 118. La signora, meno di 40 anni, e la piccola di 8 sono state rinvenute in un parcheggio vicinissimo a una delle vie d’acqua del luogo, il canale principale collega Pisa a Livorno. Non avevano il cellulare, né gli abiti e neppure valigie. Sono state prese dall’ambulanza della Misericordia di Pisa e portate al Pronto soccorso in stato confusionale.

La madre bresciana trovata nuda con la figlia di 8 anni in auto a Pisa in stato confusionale

Alla squadra mobile il compito di condurre le indagini e ricostruire un caso che appare intricato e dai contorni inquietanti. Non si esclude l’ipotesi che si sia trattato di un ultimo gesto di disperazione della donna (che sarebbe separata) per un disagio forte, che avrebbe potuto coinvolgere anche la minore. Ma sul caso potrebbe esserci anche l’ombra di qualche setta religiosa. La mamma è stata ascoltata, ma non è stata ancora in grado di dire la sua verità perché troppo scossa. Sono stati avvisati i suoi familiari che si sono informati sulla loro salute e si sono attivati per raggiungerle. Entrambe, l’adulta e la piccola, sono ancora ricoverate. La scientifica ha fatto i rilievi sulla vettura. Le donne non avevano portato nulla dietro. A prendere in carico il caso la sezione della Mobile specializzata per reati contro le persone più fragili, donne e minori. Nel frattempo, si stanno visionando le immagini delle telecamere delle autostrade lungo il possibile viaggio fatto. L’uscita dell’A12 è a pochi metri da dove è avvenuta la scoperta. Ma ci sono anche i filmati della videosorveglianza del quartiere che potrebbero svelare qualcosa di più sulla vicenda.