Attualità

Per il leghista Ostellari dire “fro…” a un gay non è sempre offensivo | VIDEO

Per il senatore della Lega Ostellari il termine “fr…o” è offensivo sono il determinati contesti. Ma chi lo decide il contesto lui o chi viene insultato? Il video de La Zanzara

Mentre la calendarizzazione del ddl Zan al Senato ormai è nella nebbia fa discutere la partecipazione del senatore Andrea Ostellari della Lega alla trasmissione radiofonica La Zanzara dove ha detto che dire “fr..o a un gay non è sempre offensivo, dipende dal contesto”.

Per Ostellari dire “fro…” a un gay non è sempre offensivo | VIDEO

Il senatore è partito dalle critiche che gli sono arrivate quando Fedez nelle sue stories Instagram si è rivolto a lui per protestare contro il blocco della calendarizzazione della legge dicendogli tra le altre cose “Non sei Beyoncé”. Secondo Ostellari sono arrivati anche degli insulti, e il leghista sbeffeggiando chi gli è andato contro spiega che gli è stato dato del “fr…” proprio da quelli che con il Ddl Zan vorrebbero che le offese ai gay fossero punite. Cruciani a quel punto prende la palla al balzo e gli chiede se “fr..o” secondo lui è una parola che si può dire o no, se si può dire o è offensiva. “Non è offensiva”, risponde il senatore aggiungendo: “Dipende dal contesto”. Peccato che Ostellari sia smentito nientemeno che dal vocabolario della lingua italiana che lo considera un termine dispregiativo:

ostellari frocio non è offensivo

Interessante poi è la questione del contesto. Chi lo decide qual è quello corretto, Ostellari? La Lega? I parlamentari? È vero che ci sono delle parole che tra persone che hanno confidenza tra loro assumono un significato scherzoso o che denota appartenenza a un gruppo specifico. Ma si tratta di una questione che non può essere generalizzata visto che si parla di amici o parenti. Perché dunque lasciare intendere al pubblico che ascolta che chi viene insultato con termini omofobi un po’ stia esagerando? A proposito di persone che si offendono: il capo politico di Ostellari ad esempio non aveva preso bene chi lo chiamava “cazzaro verde”. Vi ricordate come è finita?