Attualità

Il pavimento di vetro della Tour Eiffel

La nuova fase nell’evoluzione della Tour Eiffel è stata ufficialmente inaugurata lunedì dal sindaco socialista della capitale francese Anne Hidalgo: il completamento della ristrutturazione del primo piano, costata trenta milioni di euro e per la quale ci sono voluti due anni di lavoro. La ristrutturazione fa parte del tentativo delle autorità cittadine di promuovere la torre oltre che come attrazione turistica, come simbolo del dinamismo della capitale francese e della capacità di rigenerazione» della Francia. Il lavoro, che ha utilizzato vetro di Bordeaux e installazioni metalliche prodotte da aziende francesi, ha reso più moderne le stanze del primo piano, ha introdotto l’accesso alla piattaforma esterna anche ai disabili e ha aggiunto altre informazioni in braille per i non vedenti e una sala cinema che mostra pellicole sulla torre. I pannelli solari serviranno anche a immagazzinare energia per rendere meno costosa la bolletta della torre, e per riscaldare una buona metà dell’acqua che si utilizza. Quello che colpisce di più però è il pavimento, che ora è diventato un’attrazione non per deboli di cuore o per chi soffre di vertigini, visto che si vede lo strapiombo da un’altezza di 57 metri.

Il video di Euronews sul pavimento di vetro della Tour Eiffel

Foto copertina da Flickr